Română | Italiano
HomeNotizie20184 Febbraio: Un nuovo luogo di culto per la comunità rumena di Mirandola
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza » Titolo: 11556.jpg

Anno: 2019

Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza

Titolo: 11556.jpg

Notizie

Un nuovo luogo di culto per la comunità rumena di Mirandola

Un nuovo luogo di culto per la comunità rumena di Mirandola

Per intercessione della Santa Madre del Signore e con la benedizione di Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Francesco Cavina, la Comunità greco-cattolica di Mirandola ha ricevuto un nuovo spazio liturgico per le celebrazioni e le proprie attività. L’accordo è stato fatto grazie alla benevolenza del Vicario generale della Diocesi di Carpi don Carlo Malavazi e del parroco della Comunità di Cavezzo, don Giancarlo Dallari (dell’arcivescovado di Modena).
La chiesa, che ha come protettrice “Santa Maria Assunta”, è una costruzione del 1700 e si trova nella località Cavezzo, in Via Concordia 119. Il periodo per il quale si è stipulato il comodato d’uso gratuito è di tre anni, con la possibilità di rinnovarlo.
Tutta la nostra Comunità si è impegnata a sistemare ed a pulire la chiesa ed, al termine dei lavori, il 4 Febbraio 2018, durante la Santa e Divina Liturgia, si è ringraziato il Signore per il beneficio ottenuto. Prima della celebrazione eucaristica sono state lette le preghiere assolutorie per i fatti sconosciuti ed ignoti, successi dopo il terremoto. Si è poi fatta una processione attorno alla chiesa per tre volte, aspergendo di acqua benedetta l’esterno del sacro edificio. Durante il percorso sono stati eseguiti canti religiosi come: “Santo Dio”, “ O Mamma Santa…” È venuta la Mamma…” etc.
Alla fine della Santa e Divina Liturgia, la Comunità ha offerto, come segno di gratitudine per l’aiuto datole, a padre Giancarlo Dallari un attestato di ringraziamento ed un’icona che rappresenta la Santissima Trinità.
Alla fine è stato officiato un Requiem per i fondatori ed i benefattori del sacro edificio. L’avvenimento è stato concluso con una doviziosa agape fraterna alla quale sono stati invitati tutti i presenti.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
P. Ioan Feier

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.