Română | Italiano
HomeNotizie201811 Aprile: La celebrazione della Veglia Pasquale nella parrocchia di Imola
Archivio foto
Anno: 2020 » Evento: Festa della parrocchia Roma Nord e festa dell'Unione del 1859 » Titolo: 11647.jpg

Anno: 2020

Evento: Festa della parrocchia Roma Nord e festa dell'Unione del 1859

Titolo: 11647.jpg

Notizie

La celebrazione della Veglia Pasquale nella parrocchia di Imola

La celebrazione della Veglia Pasquale nella parrocchia di Imola

La Festa della Risurrezione del Signore, è stata celebrata, sabato 7 aprile con fede e gioia nella Parrocchia di Imola. I fedeli greco-cattolici ed ortodossi, venuti da Imola e dai dintorni, hanno partecipato in numero considerevole a questo Servizio religioso, tanto caro ai cristiani, in una chiesa che era talmente piena che alcuni fedeli sono stato costretti a rimanere fuori del tempio.
Alle 22 il parroco p. Tiberiu Sîrbu, che indossava i paramenti bianchi. ha dato inizio alla celebrazione alla presenza di Monsignor Mons. Tommaso Ghirelli, vescovo della Diocesi di Imola. Dopo la parte iniziale, in cui è risuonato con forza e gioia il tropario della Risurrezione, il vescovo Tommaso ha rivolto una parola di saluto e di ringraziamento alla Comunità greco-cattolica, sottolineando l’importanza di questa celebrazione liturgica e esprimendo la propria gioia nel vedere i fedeli romeni uniti nella celebrazione della Risurrezione del Signore in numero così grande.
La nostra Comunità ha avuto quale ospite don Maurizio Ardini, direttore dell’Ufficio Diocesano per l’Immigrazione di Imola. Egli ha partecipato attivamente alla celebrazione liturgica e poi, alla fine, ha salutato la nostra Comunità. Egli è stato felice per la bellezza della celebrazione e per il numero dei fedeli adulti, nonché dei bambini che hanno partecipato a questa celebrazione.
È stata poi letta la Lettera pastorale di Sua Beatitudine il Cardinal Lucian, Arcivescovo Maggiore della nostra Chiesa per la Risurrezione del Signore, e padre Tiberiu ha tenuto un’omelia sull’importanza della Risurrezione per la vita dei fedeli, invitandoli alla gioia ed alla fede, che dev’essere operativa attraverso le opere di amore e di misericordia.
Dopo il bacio alla Croce, al Vangelo ed all’Icona della Risurrezione, ogni fedele presente ha ricevuto del pane benedetto imbevuto nel vino, chiamato nella nostra lingua “Paşti”.
IL Signore Risorto Vi benedica e Vi conceda la Sua pace!
Cristo è risorto!
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
P. Tiberiu Sîrbu

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.