Română | Italiano
HomeNotizie20195 Marzo: La prima tappa dell'incontro nazionale dei sacerdoti romeni cattolici di ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Santa Pasqua - rito bizantino - a Udine - 2019 » Titolo: 11391.jpg

Anno: 2019

Evento: Santa Pasqua - rito bizantino - a Udine - 2019

Titolo: 11391.jpg

Notizie

La prima tappa dell'incontro nazionale dei sacerdoti romeni cattolici di rito bizantino a Roma, 2019

La prima tappa dell'incontro nazionale dei sacerdoti romeni cattolici di rito bizantino a Roma, 2019

Lunedì 4 marzo 2019 si è svolto a Roma presso l’ufficio della C.E.I., nella sede della Fondazione Migrantes, il primo incontro nazionale 2019 dei sacerdoti romeni cattolici orientali di rito bizantino d'Italia. L’incontro è stato convocato dal Direttore della Fondazione Migrantes, don Giovanni De Robertis, in stretta collaborazione con padre Cristian Crisan, Visitatore Apostolico per la Chiesa Romena Unita, Greco-Cattolica in Europa Occidentale e Coordinatore nazionale per la medesima Chiesa rumena in Italia.
L'incontro a Roma si è prefigurato come una buona occasione per continuare l’organizzazione delle comunità pastorali della Chiesa Romena Unita con Roma a livello nazionale. È stata data una particolare attenzione agli aspetti fondamentali dell’assistenza spirituale e pastorale promossa e sostenuta dalla C.E.I. in stretta collaborazione tra l'ufficio centrale di Roma e le diverse realtà presenti nelle varie diocesi, sotto la guida diretta dei vescovi locali, senza mai interrompere i rapporti con la Chiesa di origine e con il suo capo, S.E. Card. Lucian Muresan, Arcivescovo Maggiore della Chiesa Romena Unita con Roma, Greco-Cattolica.
Da parte della Chiesa Cattolica in Italia (attraverso la C.E.I.) abbiamo avuto e si continua a ricevere tutto il supporto necessario per uno svolgimento sempre migliore della pastorale a servizio degli immigrati romeni, con particolare attenzione ai più deboli e ai bisognosi, come ad esempio: i malati, i carcerati, i minori in situazioni di disagio o non accompagnati, altre categorie sociali a rischio e le persone perseguitate. “S’intende proseguire e rafforzare le relazioni con i vescovi locali e l'organizzazione a livello nazionale della pastorale dei romeni cattolici orientali di rito bizantino, anche per preservare la specificità ecclesiastica tipica di una Chiesa particolare sui iuris, come la vostra”, ha detto Mons. Pierpaolo Felicolo, direttore dell’Ufficio Migrantes della diocesi di Roma. “La sempre migliore conoscenza reciproca è utile sia per i sacerdoti sia per i fedeli delle nostre diocesi italiane latine di rito romano, con un occhio di riguardo anche agli aspetti ecumenici, nel rapporto con le altre chiese, particolarmente con quella ortodossa”.
Questi temi sono stati toccati brevemente parlando nel contesto della preparazione della Visita Apostolica del Santo Padre Papa Francesco in Romania tra il 31 maggio-2 giugno 2019. Domenica 2 giugno, infatti, la Sua Santità sarà a Blaj – “la Piccola Roma” dei rumeni – nel distretto di Alba Iulia, centro spirituale e storico dei romeni della Transilvania.
Si precisa inoltre che la seconda parte della riunione nazionale dei sacerdoti romeni uniti in Italia si terrà sabato 16 marzo 2019 presso il Palazzo Arcivescovile di Firenze, alla quale tra gli invitati sarà presente Mons. Giuseppe Baturi, responsabile dell’ufficio giuridico della C.E.I. Alle ore 10.00 ci sarà il ricevimento da parte di Sua Eminenza Card. Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze.
Tutti i sacerdoti sono stati invitati sia al primo, sia al secondo incontro.
Ufficio stampa/Biroul de presă

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.