Română | Italiano
HomeNotizie201929 Maggio: Videomessaggio di Papa Francesco in occasione dell'imminente viaggio ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: “Camminiamo insieme” da Roma a Blaj e Lourdes » Titolo: 11453.jpg

Anno: 2019

Evento: “Camminiamo insieme” da Roma a Blaj e Lourdes

Titolo: 11453.jpg

Notizie

Videomessaggio di Papa Francesco in occasione dell'imminente viaggio apostolico previsto dal 31 maggio al 2 giugno

Videomessaggio di Papa Francesco in occasione dell'imminente viaggio apostolico previsto dal 31 maggio al 2 giugno

Il Papa al popolo della Romania:
Vengo tra voi per camminare insieme
Videomessaggio di Papa Francesco in occasione dell'imminente viaggio apostolico previsto dal 31 maggio al 2 giugno:
"Già pregusto la gioia di incontrare il Patriarca e il Sinodo Permanente della Chiesa Ortodossa Romena, come pure i pastori e i fedeli cattolici"
Emanuela Campanile - Città del Vaticano
"Vengo in Romania, Paese bello e accogliente, come pellegrino e fratello". Sono le prime parole di Papa Francesco nel videomessaggio rivolto al popolo romeno che visiterà dal 31 maggio fino al 2 giugno. Con lo sguardo verso l'imminente incontro con il Patriarca e il Sinodo Permanente della Chiesa Ortodossa Romena, come pure con i pastori e i fedeli cattolici, il Santo Padre ricorda "i vincoli di fede" e, in particolare , "il legame che univa Pietro e Andrea" che portò la fede in queste terre:
Fratelli di sangue, lo furono anche nel versare il sangue per il Signore. E tra voi ci sono stati tanti martiri, anche in tempi recenti, come i sette Vescovi Greco-Cattolici che avrò la gioia di proclamare Beati. Ciò per cui hanno sofferto, fino ad offrire la vita, è un'eredità troppo preziosa per essere dimenticata. Ed è un'eredità comune, che ci chiama a non prendere le distanze dal fratello che la condivide.
Francesco, esortando a custodire le radici e la famiglia, indica inoltre la prospettiva e il senso del suo trentesimo viaggio apostolico:
Vengo tra voi per camminare insieme. Camminiamo insieme quando impariamo a custodire le radici e la famiglia, quando ci prendiamo cura dell'avvenire dei figli e del fratello che ci sta accanto, quando andiamo oltre le paure e i sospetti, quando lasciamo cadere le barriere che ci separano dagli altri.
Quindi, nel congedarsi, Francesco ringrazia chi sta "intesamente" preparando la sua visita e assicura a ciascuno "vicinanza" nella preghiera.
Emanuela Campanile - Città del Vaticano

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.