Română | Italiano
HomeNotizie20195 Settembre: Presentazione del libro: „ Il Concilio di Ferrara-Firenze (1438-1439). Storia ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Presentazione del volume „Il Concilio di Ferrara-Firenze (1438-1439). Storia ed ecclesiologia delle unioni" » Titolo: 11482.jpg

Anno: 2019

Evento: Presentazione del volume „Il Concilio di Ferrara-Firenze (1438-1439). Storia ed ecclesiologia delle unioni"

Titolo: 11482.jpg

Notizie

Presentazione del libro: „ Il Concilio di Ferrara-Firenze (1438-1439). Storia ed ecclesiologia delle unioni”, Vasile Barbolovici

Presentazione del libro: „ Il Concilio di Ferrara-Firenze (1438-1439). Storia ed ecclesiologia delle unioni”, Vasile Barbolovici

Il Concilio di Firenze deve essere ai nostri giorni inteso come un Concilio dell’Unione - ha sottolineato Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Virgil Bercea, vescovo greco-cattolico di Oradea, Mercoledì 4 Settembre u.s. quando è stato presentato il libro “Conciliul de la Ferrara-Florenţa (1438-1439). Istoria şi ecleziologia unirilor”, [Il Concilio di Ferrara-Firenze. Storia ed ecclesiologia delle Unioni], del padre dottor Vasile Alexandru Barbolovici. L’organizzazione dell’evento è stata merito del Protopopiato Greco-cattolico di Zalău, della Biblioteca Distrettuale „Ioniţă Scipione Bădescu” di Sălaj e la Casa di Cultura dei Sindacati della stessa località. Oltre 200 persone hanno partecipato alla presentazione e, tra di loro, sono state notate anche molte personalità. „La Chiesa ha ricevuto in custodia il tesoro della Fede, i sacramenti attraverso i quali Dio lavoro hic et nunc nella storia dell’umanità. e sempre la Chiesa è chiamata a trasmettere al mondo l’amore divino, universale che santifica”: scrive Sua Eccellenza reverendissima Mons. Virgil Bercea nella prefazione a questo volume che è diviso in sette capitoli ed è il risultato di anni di studi del sacerdote Vasile Barbolovici, vicario foraneo (sincello) per i romeni uniti greco-cattolici dell’Italia del Nord.
Egli ha ottenuto, nel 2017, il Dottorato in Teologia, con la specializzazione in Studi Ecumenici, presso l’Università Pontificia “Antonianum” di Roma con la tesi „Storia ed ecclesiologia delle unioni” – ed il risultato lusinghiero Summa cum laude – come pure l’accordo di pubblicare la tesi di dottorato. Sull’avvenimento di Mercoledì dice l’autore: „Il Concilio di Ferrara –Firenze (1438-1439), Bologna, 2018, pp 320 (Bologna, 2018, 320 p.) è stato anche pubblicato nel 2019 presso la Casa Editrice dell’Accademia Romena e del Centro di Studi Transilvani con sede a Cluj-Napoca. “Considero che questo tema debba divenire d’attualità e di interesse comune, proprio perché si compiono 580 anni da questo Concilio (1438-1439). Si tratta di un Concilio che è stato pienamente e validamente celebrato e che possiede ancora validità. Purtroppo, non ha avuto la “ricettività” che hanno avuto gli altri Concili. Per questa ragione, nel 2001, quando iniziai questa tesi, per la quale ho lavorato circa per 10 anni, ho voluto sapere quello che significa il Concilio di Firenze e da dove nascono queste Chiese greco-cattoliche; o a dire meglio perché siamo greco-cattolici”?
Per trovare le risposte a questa domanda il sacerdote Vasile Barbolovici ha dedicato lo studio di una ricca parte storica cui ha lavorato assieme con il prof. Ioan-Aurel Pop, presidente dell’Accademia Romena, seguito da un’analisi ecclesiologica e da un capitolo conclusivo che approfondisce il Concilio Vaticano II e l’Oriente cattolico. “Nella prima parte (i primi tre capitoli) ho cercato di scoprire la realtà storica della Transilvania, Moldavia e Valacchia e, nella seconda parte (i seguenti tre capitoli) ho cercato di fare un’analisi profonda, io ritengo, del contenuto dogmatico di questo Concilio di Ferrara-Firenze. Il volume si conclude con il capitolo VII° in cui ho cercato di rendere noto il Decreto sulle Chiese orientali cattoliche del Concilio Vaticano II, Orientalium Ecclesiarum; parte del lavoro che ho affrontato sotto la guida del prof. Riccardo Burigana, professore presso l’Istituto Ecumenico “San Bernardino” di Venezia e direttore del centro per l’Ecumenismo in Italia”. Il testo, arricchito da un’importante bibliografia è un contributo fondamentale nella via di una valida conoscenza delle “Unioni” di Brest (1595), di Užhorod (1646) e di Alba-Iulia del 1700, facendoci avvicinare alla mentalità dei contraenti, ma anche dal desiderio di riappacificazione e di amore.
La presentazione ha avuto luogo il 4 Settembre u.s. a Zalău ed è stata una sorpresa per l’autore, p. dottor Vasile Alexandru Barbolovici che ha confessato in un’intervista all’Ufficio stampa EGCO che „è la prima volta in cui è stato presentato il libro in Romania e, come si è potuto vedere, si è trattato di una presentazione con la sala piena, onorata dalla presenza di S.E. Rev.ma Mons. Virgil Bercea, da Sua Eccellenza l’Ambasciatore di Romania presso la Santa Sede e il Sovrano Ordine di Malta, Liviu – Petru Zăpîrţan, che ha scritto la prefazione a questo libro, e gli illustri professori di Zalău, i fedeli e, altresì, un’equipe dell’emissione TVR- L’Universo della Fede”.
Un momento “sorprendente, meraviglioso, bene organizzato, il fatto è che ci siano state circa 200 persone e questo dice molto. soprattutto perché si tratta di un libro un po’, per così dire, atipico, che si sofferma su una questione storico a di 580 anni or sono. Probabilmente questa presenza si deve al fatto che, quando ritorno a casa, si fonde con questa nostra realtà e sento di far parte della Chiesa greco-cattolica di Zalău, dove le persone si conoscono e si sono sentite in dovere di essere presenti ed si almeno per curiosità a questa presentazione: Vi ringrazio tutti!”.
Il libro “Il Concilio di Ferrara Firenze (1438 -1439). La Storia e l’ecclesiologia delle unioni” di p. dottor Vasile Alexandru Barbolovici, può essere acquistato Cartea presso l’edizione Gutenberg o la Biblioteca dell’ Università Babeş-Bolyai di Cluj-Napoca.
***
VASILE ALEXANDRU BARBOLOVICI – vicario foraneo (sincello ) per i Romeni Uniti dell’Italia del Nord (dal 2015), è nato il 20 Marzo 1968 nel villaggio di CHILIOARA, nel comune di Coşeiu, distretto di Sălaj. Dal 1997 è sacerdote greco-cattolico. Nel periodo 2002-2005 è stato parroco per i romeni uniti greco cattolici del patriarcato di Venezia e, tra il 2005-2015, protopope (arcipresbitero) per i romeni uniti del Triveneto (Italia).
          

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.