Română | Italiano
HomeNotizie201930 Ottobre: Comunità greco-cattoliche romene in pellegrinaggio a Montenero
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Con la “Madonna della Strada”  nella Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato a Cesena » Titolo: 11540.jpg

Anno: 2019

Evento: Con la “Madonna della Strada” nella Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato a Cesena

Titolo: 11540.jpg

Notizie

Comunità greco-cattoliche romene in pellegrinaggio a Montenero

Comunità greco-cattoliche romene in pellegrinaggio a Montenero

Per il terzo anno consecutivo, la Parrocchia greco-cattolica romena di Livorno della Natività della Beata Vergine di Maria, ha organizzato un pellegrinaggio al Santuario di Montenero, insieme alla Comunità greco-cattolica di Pisa con il parroco Ioan Rodina, alla Comunità di Firenze con padre Valer Sicia, e alla Comunità di Perugia con il padre Lucian Cordis. E all'incirca si ruotava intorno Alle Insieme hanno celebrato la Messa in rito bizantino per ringraziare il Signore e Maria per la beatificazione di 7 vescovi martiri che il 2 giugno scorso Papa Francesco ha canonizzato quando ha effettuato il viaggio apostolico in Romania.
Nella storia del XX secolo è molto difficile trovare una persecuzione simile a quella scatenata in Romania dal regime comunista nel 1948 contro la comunità greco-cattolica.
Il governo iniziò con il chiudere le scuole e i monasteri, confiscando tutte le proprietà della Chiesa. Nell’ottobre 1948 il regime convocò un “sinodo” del clero, dichiarando che si trattava di un incontro per rivedere l’unione con la Chiesa di Roma e aveva lo scopo di provocare la rottura della comunione con il Papa, attraverso il ritorno alla Chiesa ortodossa.
Da quel momento, il governo ordinò che tutti i cattolici dovessero aderire all’ortodossia e il 1° dicembre 1948 decise di fatto di sopprimere la Chiesa greco-cattolica. I vescovi vennero arrestati e i monasteri chiusi e messi sotto il controllo della Chiesa ortodossa. I beni furono espropriati e divisi: le scuole furono poste sotto il controllo del ministero della pubblica istruzione e le proprietà ecclesiastiche furono incorporate dal ministero delle politiche agricole. La Securitate, la famigerata polizia segreta, con grande zelo cercò di raggiungere l’obiettivo della distruzione sistematica della Chiesa greco-cattolica e dell’eliminazione dei suoi pastori. Si voleva una “unificazione” forzata con la Chiesa ortodossa, sulla quale il partito comunista esercitava il controllo. In questo senso, non doveva rimanere traccia dei fedeli vincolati a Roma, tanto meno dei loro pastori. Tra quanti testimoniarono la fedeltà alla Chiesa cattolica vi furono proprio i sette vescovi martiri.
È in questo contesto che si inserisce il martirio dei vescovi Valeriu Traian Frenţiu, Vasile Aftenie, Ioan Suciu, Tit Liviu Chinezu, Ioan Bălan, Alexandru Rusu, e Iuliu Hossu che papa Francesco ha beatificato a Blaj, Frenţiu, Aftenie, Suciu e Chinezu morirono in carcere. Gli altri tre — Bălan, Rusu e Hossu — riuscirono a sopravvivere alla prigione, ma morirono a causa delle terribili condizioni in cui vissero durante il loro domicilio coatto.
Prima della repressione nel Paese, la Chiesa greco-cattolica contava circa un milione e cinquecentomila fedeli. Dopo cinquanta anni di persecuzione, i fedeli si sono più che dimezzati.
E' stata una cerimonia molto commovente e i numerosi fedeli hanno pregato e cantato con molta partecipazione uniti ai loro pastori. Padre Basile Orghici, parroco della comunità Livornese, durante l'omelia ha ringraziato il Signore per questo dono e per la gioia di una comunità numerosa che devota alla Vergine Maria, ogni anno vuole renderle omaggio e chiedere la sua santa protezione. Anche gli altri padri hanno ribadito l'importanza della preghiera e del fatto che i fedeli, pur lontani dalle loro terre, mantengono i contatti tra di loro e conservano le loro belle tradizioni cercando di farle conoscere anche agli altri fratelli cristiani.
Dopo la Divina Liturgia, i fedeli, si sono recati nei locali messi a disposizione dai monaci Vallombrosani, per poter dar luogo ad un ottimo pranzo conviviale, dove sono stati festeggiati alcuni compleanni e ai presenti sono stati offerte specialità culinarie della tradizione romena.
Monica Cuzzocrea

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.