Română | Italiano
HomeNotizie201929 Novembre: Il Messaggio dell'Ambasciatore della Romania in Italia, il sig. George ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza » Titolo: 11547.jpg

Anno: 2019

Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza

Titolo: 11547.jpg

Notizie

Il Messaggio dell'Ambasciatore della Romania in Italia, il sig. George Bologan, in occasione della Festa Nazionale della Romania

Il Messaggio dell'Ambasciatore della Romania in Italia, il sig. George Bologan, in occasione della Festa Nazionale della Romania

Cari compatrioti,
Stimati amici,
          Nel calendario storico del nostro popolo esistono giorni che hanno assunto un profondo significato storico. Il giorno più importante di tutti, la festa che è riposta nel cuore del nostro popolo è il I Dicembre, Festa Nazionale della Romania. Il I Dicembre 1918 si realizzava un sogno “ figlio della sofferenza, dell’afflizione su cui riposano sia gli avi che i genitori”, come ebbe a scrivere il poeta delle nostre sofferenze Octavian Goga. Il I Dicembre è il giorno in cui si ricordano con gratitudine ed in modo solenne le azioni eroiche dei nostri antenati che, nei momenti difficili, e non furono pochi, che attraversò la Romania in un secolo, trovarono ancora e seppero destare nella nostra Nazione l’energia interiore, la forza e la decisione per permetterci ergersi tra i popoli del mondo e per costruire un futuro migliore per le generazioni future.
          
Nel 1918, l’atto della Grande Unione non è stato soltanto il corollario di uno stato emozionale che sarebbe divenuto storico, esso infatti veniva dal bisogno interno del nostro popolo di costruire il proprio destino, la propria “creazione” – che lo organizzasse, lo proteggesse, e lo difendesse, dalla necessità di una nuova architettura politica del continente nell’ambito del quale si organizzasse un concerto delle nazioni.
          
Esso era ed è punto di riferimento fondamentale per il popolo romeno, motivo di vanto e di riflessione che concernesse il passato, il presente ed il futuro della Romania. La Festa Nazionale assume, quest’anno, nuovi significati non solo per il fatto che la nostra Patria ha ottenuto, con un successo incontestabile, la Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea nel primo semestre, ma perché tra alcune settimane si compiranno 30 anni dalla Rivoluzione Romena del Dicembre 1989, momento essenziale che ha portato la libertà al popolo romeno sottoposto ad un regime oppressivo. La Rivoluzione Romena è stato l’avvenimento che ha fatto scattare quelle trasformazioni profonde di sostanza che hanno reso possibile il percorso della Romania verso l’Unione Europea e l’Alleanza Nord Atlantica.
La Romania non è uscita dal totalitarismo con un complotto o un colpo di stato, ma grazie ad una rivolta popolare scoppiata a Timişoara, sostenuta da tutto il popolo romeno e completata dall’azione dei cittadini della Capitale, il 21-22 Dicembre 1989.
La Rivoluzione Romena è stata opera del popolo romeno ed ha rappresentato un atto di grande coraggio e di dignità della Nazione Romena. Essa ha dato il segnale del risveglio nazionale, ed è stata un momento unico nella storia di cui abbiamo il motivo di essere fieri.
Mi inchino con rispetto e gratitudine dinnanzi agli eroi della Rivoluzione Romena e spero che noi e le future generazioni siamo degni con le nostre azioni dell’eredità che essi ci hanno lasciato.
          
Cari Romeni,
Vi esorto di ricordare con rispetto, orgoglio e riconoscenza il sacrificio dei nostri avi, la dignità ed il coraggio di cui hanno dato prova. Il loro sacrificio è sempre un motivo per farci guardare con fiducia e speranza al futuro. Vi esorto altresì di serbare la Romania proprio nel cuore e di ricordarci, tutti assieme, che dobbiamo essere più buoni, uniti - perché l’unità, non la divisione o l’inimicizia è il significato profondo della Grande Festa dei Romeni, a prescindere dal luogo in cui si trovano.
Rispettiamo e serbiamo i valori e le tradizioni per cui i nostri avi hanno lottato e che ci hanno lasciato, nel tempo, di generazione in generazione.
          
George Gabriel Bologan Ambasciatore della Romania in Italia
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
George Bologan

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.