Română | Italiano
HomeNotizie202026 Febbraio: La gioia di essere sulle orme di Gesù e la riscoperta della bellezza ...
Archivio foto
Anno: 2020 » Evento: Ordinazione di presbiteri presso la cattedrale di Oradea » Titolo: 11690.jpg

Anno: 2020

Evento: Ordinazione di presbiteri presso la cattedrale di Oradea

Titolo: 11690.jpg

Notizie

La gioia di essere sulle orme di Gesù e la riscoperta della bellezza dell'unità della Chiesa di Cristo nella diversità

La gioia di essere sulle orme di Gesù e la riscoperta della bellezza dell'unità della Chiesa di Cristo nella diversità

Nel periodo 22-27 febbraio 2020, un gruppo di 58 pellegrini, guidato dai padri Vasile Orghici, sacerdote in Livorno, Cristian Costea, parroco a Rimini e Marinel Mureşan, parroco a Bologna, si è recato assieme per un pellegrinaggio in Terra Santa.
La gioia e la soddisfazione dei nostri pellegrini è motivata da numerose sorprese e benedizioni.
Essere in pellegrinaggio nella Terra di Gesù è una gioia difficilmente descrivibile ed un dono straordinario.
Il fatto che siano presenti nel nostro pellegrinaggio tre sacerdoti è un segno di fraterna comunione ed una benedizione provvidenziale per le Comunità della Chiesa Romena Unita con Roma presenti in Italia. Per noi, il pellegrinaggio in Terra Santa è divenuto orami una tradizione, un ritorno annuale, siamo ormai giunto al terzo anno consecutivo sulle tracce del Signore.
Nello stesso tempo sperimentiamo con tutti i nostri pellegrini la grande gioia di essere ospitati a Betlemme, presso la Casa Nova, proprio vicino alla Basilica della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo.
Da qui, da Betlemme, il nostro pellegrinaggio si svolge con un grande entusiasmo, e gioia, caratterizzato dalla Santa Liturgia quotidiana, da diverse riflessioni e da intense preghiere sui luoghi sacri che visitiamo: Cafarnao, il Lago Di Tiberiade, il Monte delle Beatitudini, Nazareth, Gerusalemme: il Monte degli Ulivi- il Monte Sion, il Cenacolo, il Monastero del Pater Noster luogo in cui, secondo la tradizione, il Signore Gesù insegnò ai suoi la Preghiera detta del Signore; il Monastero (Dominus flevit) (“Il Signore ha pianto”) costruita a forma di lacrima, il Giardino del Getsemani con la Chiesa delle Nazioni, elevata nel luogo ove, conformemente alla tradizione, il Salvatore pregò prima di essere arrestato; la Chiesa del Tomba della Madre di Dio, la Via Dolorosa, con le 14 stazioni del Salvatore Gesù, dove ci siamo riuniti in preghiera ed abbiamo chiesto al Signore perdono per i nostri peccati.
Abbiamo visitato anche il Golgota, la Pietra dell’Unzione, il Santo Sepolcro, il Muro del Pianto, il Monte Sion, la Torre “L’Ultima Cena”, la Chiesa della Dormizione della Madre di Dio e la Tomba di David.
Si comprende anche il Mar Morto, il Giordano, dove canteremo il Tropario del Battesimo del Signore e poi rinnoveremo tutti le promesse del Battesimo.
Il Pellegrinaggio in Israele ed in Palestina ci portano sulle vie tracciate dai patriarchi e dai profeti, facendo sì che scopriamo i luoghi dove visse Gesù.
Le parole dell’Antico Testamento divengono tangibili anche a noi tangibili grazie alla visita di alcune città che serbano le radici della storia cristiana: Madaba, Tabaga, Cafarnao, Cana e Gerusalemme.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
Pr. Vasile Orghici, pr. Cristian Ioan Coste, pr. Marinel Mureşan

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.