Română | Italiano
HomeNotizie20114 Maggio: La Liturgia di San Giovanni Crisostomo celebrata nella Basilica San Pietro a ...
Archivio foto
Anno: 2017 » Evento: Padre Serafino, un decennio di missione nella parrocchia greco-cattolica romena, Roma Nord » Titolo: 9718.jpg

Anno: 2017

Evento: Padre Serafino, un decennio di missione nella parrocchia greco-cattolica romena, Roma Nord

Titolo: 9718.jpg

Notizie

La Liturgia di San Giovanni Crisostomo celebrata nella Basilica San Pietro a Roma

La Liturgia di San Giovanni Crisostomo celebrata nella Basilica San Pietro a Roma

Quale ringraziamento al Beato Giovanni Paolo II per la Resurrezione della Chiesa greco-cattolica romena Unita con Roma, martedì 3 maggio, è stata celebrata la Santa Liturgia di San Giovanni Crisostomo, nella Cappella del Coro della Basilica di San Pietro, vicino alla cappella di San Sebastiano, dov’è stata deposta la bara contenente il corpo di Giovanni Paolo II. Il fatto è di un’importanza eccezionale, perché nell’altare della Cappella del Coro si trovano le reliquie dei San Giovanni Crisostomo.
La Santa liturgia è stata concelebrata da Sua Eccellenza Monsignor Florentin Crihălmeanu, vescovo eparchiale di Cluj assieme con padre Calaudiu Lucian Pop, rettore del Collegio Pio Romeno di Roma, con padre Gabriel Biboi, Rettore della Missione greco-cattolica di Parigi, con i sacerdoti del Collegio Pio Romeno, come pure da altri sacerdoti greco-cattolici di Romania che si trovavano a Roma per le cerimonie di Beatificazione di Papa Giovanni Paolo II. La Liturgia è stata accompagnata dai canti eseguiti dai seminaristi del Collegio Pio Romeno. Erano presenti pure le Suore dell’Ordine di San Basilio Magno, come pure rappresentanti dell’Azione cattolica Romena e del Forum Internazionale dell’Azione Cattolica.
Nella sua Omelia, Sua Eccellenza monsignor Florentin ha parlato della Buona Novella, ossia del fatto che Dio ci ama e, come segno del Suo amore, ha ricevuto papa Giovanni Paolo II. Il Presule ha sottolineato l’importanza che ha avuto questo Pontefice per la nostra Chiesa: le Bolle di nomina della prima generazione di vescovi, dopo il 1989, furono firmate da lui. Egli fece riaprire il Collegio Pio Romeno di Roma dove nuovamente sono venuti gli studenti greco-cattolici, ricevendo borse di studio, per specializzarsi nelle Università Pontificie di Roma.
Fu sempre Giovanni Paolo II a creare il secondo Cardinale della Chiesa greco-cattolica Sua Eminenza Alessandro Todea. In occasione del Giubileo del 2000 ci offrì il grande onore di concelebrare la Liturgia di San Giovanni Crisostomo, all’Altar Maggiore della basilica di San Pietro, ove celebra solo il Santo Padre.
A questa Liturgia, celebrata da Sua Beatitudine Lucian Mureşan, allora arcivescovo e metropolita di Blaj, ora Arcivescovo Maggiore, il Santo Padre assisté su un trono laterale.
“In questo periodo Pasquale, dopo che abbiamo ricevuto la luce della Resurrezione, dobbiamo dirigerci sempre verso questa luce e così le tenebre rimangono alle nostre spalle perché possiamo rivolgerci verso la luce, perché se ci allontaniamo dalla luce, abbiamo le tenebre dentro di noi”.
Così Sua Eccellenza monsignor Florentin si è rivolto ai presenti, ringraziando coloro che hanno resa possibile questa concelebrazione.
Il fatto che siano stati presenti i rappresentanti di ogni categoria di fedeli della Chiesa greco-cattolica di Romania: il clero, i seminaristi, le persone consacrate ed i laici significa che l’intera Chiesa rende omaggio al Beato Giovanni Paolo II e che lo prega che dai Cieli vegli su di noi e per noi interceda.
Al termine della Santa Liturgia è stato cantato il tropario di San Giovanni Crisostomo.
Pr. Anton-Vasile CIOBA

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.