Română | Italiano
HomeNotizie201112 Maggio: L'ambasciatore della Romania presso la Santa Sede, ES Bogdan Tătaru ...
Archivio foto
Anno: 2017 » Evento: Solenne Liturgia greco-cattolica romena a Oderzo » Titolo: 9680.jpg

Anno: 2017

Evento: Solenne Liturgia greco-cattolica romena a Oderzo

Titolo: 9680.jpg

Notizie

L'ambasciatore della Romania presso la Santa Sede, ES Bogdan Tătaru Cazaban inaugura la Festa dei Popoli all'Università Pontificale Salesiana di Roma

L'ambasciatore della Romania presso la Santa Sede, ES Bogdan Tătaru Cazaban inaugura la Festa dei Popoli all'Università Pontificale Salesiana di Roma

Sua Eccellenza, il Signor Bogdan Tătaru-Cazban, Ambasciatore di Romania con gli Studenti romeni dell’Università Pontificia Salesiana di Roma ha inaugurato il 9 Maggio u.s. il tradizionale Incontro tra i Popoli un’incontro culturale e tradizionale che si svolge ogni anno, nel mese di maggio presso questa università.
Nell’ambito accademico che organizza ogni anno quest’avvenimento come incontro multiculturale degli studenti venuti da ogni angolo del mondo, il nostro Paese, rappresentato da 24 studenti, è stato scelto, per l’edizione di quest’anno, come Paese ospite ovvero invitato speciale un popolo che “è sempre più parte della realtà europea e mondiale”, come ha osservato il professor dr. Carlo Nannini SDB -Magnifico Rettore dell’Università Salesiana, motivando la scelta della Romania quale invitato speciale.
L’inaugurazione è stata fatta da Sua Eccellenza il signor Bogdan Tătaru-Cazaban, Ambasciatore di Romania presso la Santa Sede e da una rappresentanza dell’Ufficio del Turismo Romeno di Roma, come pure da molti professori dell’Università e da un gruppo di studenti romeni che hanno eseguito l’Inno nazionale ed hanno scritto con i colori dello stemma romeno la parola del nostro Paese, la Romania, esibendosi pure in una danza popolare tradizionale.
“Ci sentiamo onorati dell’invito ricevuto in un siffatto avvenimento - che è motivo di conoscenza reciproca, celebrazione della diversità nell’unità della famiglia umana ed occasione per definire nuove prospettive di comunicazione” ha affermato Sua Eccellenza il Signor Bogdan Tătaru-Cazaban, che è stato soddisfatto dell’avvenimento e ne ha sostenuto la realizzazione.
Un altro momento importante dell’Incontro dei Popoli è stata l’inaugurazione di una mostra di fotografie che ricordano la visita del beato Giovanni Paolo II in Romania, conclusasi proprio 12 anni or sono il 1l 9 maggio 1999.
La mostra si trova al pianterreno della Biblioteca Don Bosco dell’Università Salesiana ed è aperta a tutti coloro che desiderano visitarla. Nell’inaugurazione lo stesso Ambasciatore Bogdan-Tătaru Cazaban ha messo in evidenza l’importanza di questo “significativo avvenimento della nostra storia recente” per un Paese verso il quale Giovanni Paolo II ha avuto una speciale simpatia considerandola quale punto di comunione tra l’occidente e l’oriente. All’inaugurazione tra i professori salesiani e gli studenti era presente un gruppo di docenti provenienti dalla Germania, come il professor dr. Gianfranco Coffele SDB –vicerettore dell’Università Salesiana con i responsabili della Biblioteca.
Questa mostra fotografica è stata presente anche all’Accademia di Romania, a Roma, un mese fa, organizzata dall’Ambasciata di Romania presso la Santa Sede, in occasione della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, alla quale erano presenti Sua Eminenza il cardinal Leonardo Sandri, prefetto per la Congregazione per le Chiese orientali, il Signor Teodor Baconschi, Ministro degli esteri della Romania come pure altre personalità ecclesiastiche e del mondo della cultura romena ed italiana.
In quest’occasione dedicata a Maria Ausiliatrice del 24 maggio, importantissima per l’Università Salesiana, si mostra la bellezza e l’ospitalità del “Giardino della Madre di Dio” con foto su pannelli che raffigurano i luoghi turistici che abbelliscono, in questo periodo, il complesso accademico salesiano con i suoi scorci di patrimonio naturale, culturale e spirituale.
Per la settimana seguente è programmata una conferenza tenuta dall’Ambasciatore di Romania presso la Santa sede e l’Incontro dei Popoli si concluderà con un altro momento di danza e di festa degli studenti romeni.
Impariamo a guardare il mondo con gli sguardi d’ogni giorno per vedere quello che ci conduce assieme e ci differenzia nell’ambito dello stesso Paese, dell’Europa e del mondo: avere le radici in Cristo.
          
Traduzione in italiano: Prof. GIUSEPPE MUNARINI
          
Mihaela CABA, Facultatea de Ştiinţe ale Comunicaţiilor, Universitatea Pontificală Saleziană

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.