Română | Italiano
HomeNotizie201218 Febbraio: Intervista con Sua Beatitudine Lucian Mureşan, arcivescovo maggiore della ...
Archivio foto
Anno: 2017 » Evento: Il laboratorio di creatività con i bambini della Parrocchia di Vicenza » Titolo: 10100.jpg

Anno: 2017

Evento: Il laboratorio di creatività con i bambini della Parrocchia di Vicenza

Titolo: 10100.jpg

Notizie

Intervista con Sua Beatitudine Lucian Mureşan, arcivescovo maggiore della Chiesa Greco-Cattolica, nella vigilia del concistoro nel quale sarà creato cardinale dal papa Benedetto XVI

Intervista con Sua Beatitudine Lucian Mureşan, arcivescovo maggiore della Chiesa Greco-Cattolica, nella vigilia del concistoro nel quale sarà creato cardinale dal papa Benedetto XVI

Ci separano solamente poche ore dal Concistoro in cui Benedetto XXVI° creerà cardinale Sua Beatitudine Lucian Mureşan, Arcivescovo Maggiore della Chiesa Romena Unita con Roma, Greco-Cattolica.
Sabato alle ore 10,30, nella Basilica di San Pietro, alla presenza di un grande numero di fedeli, sacerdoti e vescovi greco-cattolici e cattolici di rito latino della Romania e del mondo intero, Sua Santità conferirà la dignità di Cardinale a 22 vescovi ed arcivescovi di tutti i continenti.
Dopo il profilo bibliografico dei primi cardinali romeni, il dr. Iuliu Hossu e il dr. Alexandru Todea, vi proponiamo la seconda parte dell’intervista concessa al nostro posto radiofonico da Sua Beatitudine Padre Lucian Mureşan, Arcivescovo Maggiore della Chiesa romena Unita con Roma, Greco-Cattolica.
Qui il servizio audio: http://212.77.9.15/audio/ra/00302482.RM
Sotto c’è la nostra trascrizione dell’intervista, realizzata dalla redazione Romena della Radio Vaticana con Sua Beatitudine Padre Lucian Mureşan:
Nei nostri tempi, segnati da altre ideologie, la famiglia cristiana detiene un ruolo sempre maggiore nella trasmissione della fede. Quanto ha pesato nella crescita del giovane Lucian Mureşan l’esempio ricevuto dai genitori?
• "Desidererei sottolineare in primo luogo che il Signore ha fatto in modo che, non soltanto per numero di bambini di questa famiglia- come ricordavamo, dodici figli- ma anche per la loro condizione materiale, fosse una famiglia semplice, modesta e con tutta la convinzione dico, povera. I nostri genitori però così semplici, ci hanno insegnato al di sopra di tutto l’amore, la fiducia nella Divina Provvidenza, l’amore per il Signore e di aver fede e di accettare le difficoltà con rassegnazione. Nella nostra famiglia nessuno di noi si è elevato con studi superiori. Solamente più tardi, quando fu possibile, colui che vi parla poté entrare per la benevolenza del grande e coraggioso vescovo di rito latino Marton Aron di Alba Iulia che mi ha ricevuto come studente in Teologia nel 1955 e che io chiamavo Santo padre.
Solo io, tra i miei fratelli, ho conseguito gli studi superiori, sono riuscito a frequentare una scuola superiore a quella media, ossia il liceo. Ma se i genitori non potevano offrirci studi superiori e specializzazioni, io li ringrazio e lo faccio anche a nome dei miei fratelli, gran parte dei quali è salita alla casa del Padre e siamo in vita ancora quattro, a nome di tutti dico, grazie ai miei genitori non solo ora: l’ho fatto e lo farò per tutto il tempo in cui vivrò in questo mondo, ringraziandoli perché ci hanno insegnato a credere con tutta la forza nel Signore e non solamente nelle cose materiali, ma soprattutto in quelle spirituali.. Questa è stata la dote che i nostri genitori sono stati in grado di darci, ubbidendo loro, ho ricevuto da parte loro questa dote, che portiamo avanti quanto umanamente è stato possibile.”
Dio L’ha chiamata alla vita ed alla fede cattolica in tempi difficili per il popolo romeno. Lei ha affrontato innumerevoli difficoltà. Come ha potuto superarle?
• "Il segreto, se può chiamarsi segreto, è che ogni sofferenza, di ogni natura sia accettata in pace e con rassegnazione. Se non è mandata dalla Divina Provvidenza, essa è almeno permessa. Se non fosse stata volontà del Signore, certamente era permessa dal Signore. Sono vissuto con quest’educazione in famiglia, dai nostri genitori abbiamo ricevuto quest’insegnamento sublime e supremo per noi: nulla al mondo succede senza il permesso di Dio. Di conseguenza: “ figli, accettate ogni sofferenza, ogni prova, e fatelo, se non si può con gioia, almeno con rassegnazione.” – così ci hanno educato. Adesso mi rendo conto, all’età in cui mi trovo, per cui ringrazio Dio, come un dono pregiato, Lo ringrazio perché mi ha aiutato a seguire questo santo consiglio dei nostri genitori
Che messaggio desidera trasmettere alla Radio Vaticana per coloro che partecipano a questo momento solenne di responsabilità e di onore?
• "Per quello che è stato possibile, ho sentito, essendo in Romania, quanta gioia ha suscitato questa notizia, quanta felicità per tutti i membri della nostra Chiesa – clero, confratelli vescovi, persone consacrate- ma non solo per i figli della nostra Chiesa, per tutta la Chiesa Cattolica di Romania è stata ed è una grande gioia che il Santo Padre Benedetto XVI abbia nominato tra i 22 Cardinali anche il Metropolita della Chiesa Greco-Cattolica di Romania. Per me è stata una gioia, ma anche una grande croce, nello stesso tempo, come ho ricordato proprio allora, una Croce che il Signore mi ha posto sulle spalle, e perché il Signore me l’ha messa, l’ho accettata con gioia o la porterò fino a che il Signore mi darà da vivere su questa terra. “
A nome degli ascoltatore della Radio Vaticana, La ringraziamo per queste parole emozionanti e Le promettiamo anche noi il sostegno delle nostre preghiere.
• "Vi ringrazio di cuore e desidererei , se fosse ancora necessario farlo, di convincervi della fedeltà, per quanto mi sia possibile con la quale ascolto le emissioni della Radio Vaticana. Una volta lo facevo forse di più cuore perché non avevo fonti di informazione veramente pulite e non alterate da altre influenze. Dopo gli avvenimenti del Dicembre ’89, essendo più coinvolto, più attivo nella vita della Chiesa, forse non sempre riesco ad ascoltare le emissioni nella loro totalità, ma sono molto ben venute per i fratelli della Romania, per noi tutti e per quello desidererei che, a nome dei nostri buoni fedeli, in nome dei sacerdoti, del clero, delle persone consacrate e Vi ringrazio e Vi auguro ancora grazie fruttifere e sempre più numerose e la benedizione da parte del Signore e, personalmente da parte mia".
          
Radio Vaticana – Sia lodato Gesù Cristo!
• "Nei secoli dei secoli. Amin e la Santa Madre"
RV – A.D.

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.