Română | Italiano
HomeNotizie20126 Maggio: Greco-catolici di Padova in pellegrinaggio alla Madonna di Monte Berico Vicenza
Archivio foto
Anno: 2020 » Evento: Festa della parrocchia Roma Nord e festa dell'Unione del 1859 » Titolo: 11645.jpg

Anno: 2020

Evento: Festa della parrocchia Roma Nord e festa dell'Unione del 1859

Titolo: 11645.jpg

Notizie

Greco-catolici di Padova in pellegrinaggio alla Madonna di Monte Berico Vicenza

Greco-catolici di Padova in pellegrinaggio alla Madonna di Monte Berico Vicenza

Seguendo un programma di brevi pellegrinaggi in onore della Madre di Dio, che i sacerdoti hanno proposto ai fedeli per ogni domenica del mese di maggio, la Comunità greco-cattolica di Padova si è recata nel Santuario della Santa Vergine, di Monte Berico (Vicenza), al termine della Liturgia domenicale del 6 Maggio 2012.
Il 7 maggio 1426, la Madre di Dio apparve in questo luogo a Vincenza Pasini, dinnanzi ad una croce di olivo, in un grande splendore, tra una musica melodiosa. Ella indossava vesti luminose d’oro. La Vergine rivelò il suo nome e, appoggiando una mano sulla spalla della donna, le domandò di scendere in città per portare agli abitanti la sua richiesta di edificare una chiesa nel luogo in cui Ella era apparsa. La Madre di Dio promise anche che, se si fosse scavato in quel luogo, sarebbe sgorgata dell’acqua con poteri taumaturgici e la cosà si avverò. La Vergine poi prese tra le mani la croce di rami di olivo, segnò con essa il perimetro che chiedeva fosse edificata, tracciò con essa il perimetro e promise molte grazie a coloro che là avessero innalzato le loro preghiere, soprattutto nella prima domenica del mese.
A Vincenza Pasini si credé solamente dopo due anni quando, il 2 agosto 1428, la Vergine apparve di nuovo, rinnovando la sua richiesta. Il vescovo e le autorità della città, che alla fine decisero di salire sul Monte Berico, scoprirono il perimetro solcato con la Croce dalle mani della stessa Madre di Dio. Quel solco si era conservato in modo inspiegabile al suolo, per ben due anni, ossia dall’apparizione del 1426.
Dopo un breve momento di meditazione e di raccoglimento sulla storia e sul significato di quel luogo, i fedeli greco-cattolici si sono avvicinati alla nicchia che sorge sul luogo esatto dell’apparizione della Vergine Maria e sono entrati sotto il suo mantello protettore affidandoLe le proprie richieste. È seguita la preghiera comune della “Paraklisis” e sono stati elevati alcuni canti mariani in romeno.
Il prossimo pellegrinaggio della Comunità avrà luogo domenica prossima, 13 maggio 2012, al Santuario della Vergine Maria di Villafranca e nella chiesa di Montegalda.
P. Cristian Sabău

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.