Română | Italiano
HomeNotizie201318 Maggio: La Pasqua nella Comunità romena di Figline (Firenze/Italia)
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Concerto canzoni di Natale e festa Nazionale della Romania presso la Parrocchia Roma – Nord » Titolo: 11606.jpg

Anno: 2019

Evento: Concerto canzoni di Natale e festa Nazionale della Romania presso la Parrocchia Roma – Nord

Titolo: 11606.jpg

Notizie

La Pasqua nella Comunità romena di Figline (Firenze/Italia)

La Pasqua nella Comunità romena di Figline (Firenze/Italia)

Domenica 5 maggio 2013, la Chiesa "Collegiata di Santa Maria" da Figline - Incisa Valdarno, Provincia di Firenze (Toscana), è stata testimone di un evento speciale nella storia secolare di questa bella e antica chiesa: festa della Risurrezione dell nostro Salvatore Gesù Cristo, che ha vinto la morte con la Sua morte e risurrezione, festa celebrata secondo il calendario proprio della Chiesa bizantina. 

Città Figline - Incisa Valdarno fa parte della Diocesi di Fiesole, diocesi fondata da San Romolo, un discepolo di San Pietro. Con la particolare cura dell'attuale vescovo di questa diocesi, Sua Eccellenza Mons. Mario, nella cappella del Santissimo Sacramento che si trova in questa chiesa - costruita tra il 1252 e il 1257 - Don Valer Sician celebra la Messa ogni domenica per la comunità rumena che si trova in questa zona storica.

L'evento speciale è il fatto che questa bella festa della Resurrezione è stata celebrata quest'anno non soltanto dalla comunità rumena, ma anche da molti altri credenti di varie chiese orientali che sono presenti nella zona, in particolare quelli della cittadela di Loppiano, che appartiene alla Figline - Incisa. Così i credenti erano presenti dall'Egitto, Siria, Canada, Brasile, Ucraina, Croazia, Irlanda, Taiwan, Italia e Romania. Il Santo Vangelo è stato proclamato dagli sacerdoti presenti (8 - tre italiani, due ungheresi, un francese, uno sloveno e pr.Valer) in 11 lingue: rumeno, latino, francese, italiano, arabo, cinese, inglese, spagnolo, portoghese, tedesco e ungherese. La divina Liturgia è stata celebrata in italiano e rumeno per essere compresa dai partecipanti e le risposte sono state cantate solo in rumeno per far scoprire e gustare la bellezza e la ricchezza di canti liturgici bizantini, in particolare, la greco-cattolica.

Alla fine della celebrazione tutti i presenti hanno partecipato alla tradizionale battuta con le uova, tradizione presente anche in Toscana, dopo di che ognuno è andato ad annunciare tutta la gioia della Risurrezione pasquale con il saluto: Cristo è risorto!
pr. Valer Sician

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.