Română | Italiano
HomeNotizie201417 Marzo: Per i romeni tra gli italiani. P. Raimondo Salanschi finisce il suo mandato nel ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: La Festa Naţionale della Romania e cinque anni dalla fondazione della Comunità Romena Catt. di rito bizantino » Titolo: 11590.jpg

Anno: 2019

Evento: La Festa Naţionale della Romania e cinque anni dalla fondazione della Comunità Romena Catt. di rito bizantino

Titolo: 11590.jpg

Notizie

Per i romeni tra gli italiani. P. Raimondo Salanschi finisce il suo mandato nel Consiglio Pastorale della Diocesi di Vicenza

Per i romeni tra gli italiani. P. Raimondo Salanschi finisce il suo mandato nel Consiglio Pastorale della Diocesi di Vicenza

Oggi, 17 Marzo, nella Sala “A. Onisto” del Seminario diocesano di Vicenza, si è svolta l’ultima riunione dell’attuale Coniglio Pastorale diocesano di Vicenza.
Tra gli 83 membri si trova p. Raimondo Salanschi, eletto sei anni or sono personalmente dal vescovo d’allora mons. Cesare Nosiglia – nel frattempo asceso alla cattedra arcivescovile di Torino - affinché padre Salanschi rappresentasse i Romeni che si trovano nel territorio della Diocesi di Vicenza.
Dopo che Mons. Nosiglia fu trasferito a Torino (Conformemente al Diritto Canonico, il Consiglio Pastorale decade una volta con il trasferimento del vescovo) il Consiglio fu riconfermato per altri tre anni da parte del nuovo vescovo Mons. Beniamino Pizziol.
Nella riunione di oggi, dopo la lettura del Verbale precedente, si è discusso sul nuovo Statuto e sul Regolamento del Consiglio, sulla Conferenza Ecclesiale, organizzata dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI), che avrà luogo a Firenze dal 9 al 13 Novembre 2015 e su altri aspetti logistici del nuovo Consiglio che sarà eletto nella Primavera di quest’anno.
Conformemente allo Statuto, l’incombenza principale dei membri del Consiglio è quella di proporre idee operative su ciò che significa la vita pastorale nella comunità, con l’obbligo di offrire al vescovo elementi utili per il bene dei fedeli.
In generale, il Consiglio Pastorale Diocesano, è segno e strumento della comune partecipazione di tutti i fedeli alla missione della Chiesa particolare nella diversità degli stati di vita, dei carismi e dei ministeri. In ciò si manifesta la diversità e l’unità ecclesiale attorno al vescovo, fondata sul sacerdozio battesimale comune a tutti i fedeli.
Sono stati anni che hanno portato frutti in cui i membri del Consiglio, scelti in ambienti ed in luoghi diversi, hanno avuto occasione di conoscersi reciprocamente e soprattutto ad imparare il dialogo.
Alla fine, il vescovo Beniamino ha ringraziato tutti i membri per lo sforzo compiuto in questi anni a servizio della Comunità locale.
L’incontro si è concluso con un’agape fraterna.
          
Traduzione in italiano: Prof. Giuseppe Munarini
Biroul de presă / L’Ufficio stampa

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.