Română | Italiano
HomeNotizie201419 Novembre: La preghiera del Rosario per le ragazze di strada
Archivio foto
Anno: 2020 » Evento: Il giorno del dialogo tra gli ebrei ed i cristiani » Titolo: 11631.jpg

Anno: 2020

Evento: Il giorno del dialogo tra gli ebrei ed i cristiani

Titolo: 11631.jpg

Notizie

La preghiera del Rosario per le ragazze di strada

La preghiera del Rosario per le ragazze di strada

Domenica 16 Novembre l’Associazione “L’albero di Cirene” con don Mario Zacchini ha organizzato un momento di preghiera, in Via delle Serre, nella periferia di Bologna, luogo in cui una giovane romena di 22 anni fu uccisa da un italiano per un’incomprensione sul pagamento di una prestazione sessuale della ragazza. Accanto ai volontari del progetto “Non sei sola” ha partecipato anche un gruppo di studenti romeni, accompagnati da p. Marinel Mureşan, sacerdote dei fedeli greco-cattolici di Bologna.
Don Mario ha riferito brevemente quello che è successo nella notte di Domenica 16 Novembre 2009, soffermandosi sul dramma di queste giovani che sono forzate o costrette a ricorrere a questo mezzo per guadagnare. Cristina Tepuru in Romania aveva il marito ed un bambino e mandava a casa i soldi che guadagnava. Don Mario ha parlato anche degli incontri che ha avuto con il giovane italiano arrestato, giovane che ha stroncato la vita di Cristina con numerose coltellate.
P. Marinel ha parlato della sofferenza che provoca la morte di una persona vicina, ha quindi ringraziato tutti coloro che erano venuti a pregare per queste ragazze che, ogni sera, sono sulle strade vicino a Bologna.
Il signor Marco, un cittadino italiano che abita nella zona in cui fu uccisa Cristina, ha dato una testimonianza molto importante. Ha, infatti, raccontato, di aver organizzato, immediatamente dopo la notte in cui è stato perpetrato il crimine, una processione dal luogo dell’assassinio fino alla chiesa del Cuore Immacolato di Maria, bloccando talora anche la strada per attirare l’attenzione su questo fenomeno in cui sono coinvolte tante ragazze. Inoltre ha posto nella rotonda un cartellone con la scritta “La prostituzione ammazza i giovani” , il cartellone che affermava la verità, veniva immediatamente spostato da qualcuno.
A qualche metro dal luogo ove era stato posto il cartellone, si possono vedere anche oggi, a cinque anni dalla tragedia, ragazze che aspettano i clienti. Ci sono uomini che si sentono disturbati da un cartellone, ma che non sono affatto disturbati quando vedono a mezzogiorno quelle ragazze sulla strada.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
Petru Martinas

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.