Română | Italiano
HomeNotizie201424 Novembre: La celebrazione dell'Unzione nella Parrocchia romena di Araceli di Vicenza
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Il Cardinale Bassetti in visita alla comunità romena » Titolo: 11619.jpg

Anno: 2019

Evento: Il Cardinale Bassetti in visita alla comunità romena

Titolo: 11619.jpg

Notizie

La celebrazione dell'Unzione nella Parrocchia romena di Araceli di Vicenza

La celebrazione dell'Unzione nella Parrocchia romena di Araceli di Vicenza

I Santi Sacramenti sono momenti di Grazia nella vita delle persone di una comunità e diventano avvenimenti importanti attraverso i quali si riceve con la partecipazione fisica e spirituale, la grazia divina di Nostro Signore Gesù, nel seno della propria Comunità, perché la Fede si vive con la comunione e la reciprocità e non attraverso l’Wi-Fi.
Domenica 23 Novembre 2014, nella Chiesa romena dell’“Araceli” di Vicenza, situata nell’omonima piazza, è stata dedicata al Sacramento dell’Unzione (Olio Santo). Di mattina si è iniziato con la partecipazione al Sacramento della Confessione, poi è stata la volta dell’Eucarestia, durante la Santa e Divina Liturgia domenicale. Nel pomeriggio, alle 15, è stato celebrato il Sacramento dell’Unzione (Olio Santo) con la presenza di sette sacerdoti del Triveneto.
Il Sacramento del l’Unzione (Olio Santo) si fonda sull’insegnamento di San Giacomo che dice: “Chi tra voi è nel dolore, preghi; chi è nella gioia salmeggi. Chi è malato, chiami a sé i presbiteri della Chiesa e preghino su di lui, dopo averlo unto con olio, nel nome del Signore. E la preghiera fatta con fede salverà il malato: il Signore lo rialzerà e se ha commesso peccati, gli saranno perdonati”.
L’Olio Santo, quindi, è un Sacramento che si amministra sia per la guarigione delle malattie fisiche sia per quelle spirituali.
Dalle preghiere recitate nell’ambito del Servizio religioso appare anche l’uso corretto dell’olio consacrato: esse sono ricche per ciò che concerne il contenuto, alcune sono di assoluzione, affinché il diavolo venga da noi allontanato e sia rimossa la sua influenza su di noi, perché non siamo indotti in tentazione; altre sono di consolazione, ed altre ancora di incoraggiamento, secondo la testimonianza dei Santi, affinché possiamo seguire la via della Luce di Cristo” affinché coloro che si ungeranno con quest’olio di rinnovamento … sia preparato per la guarigione di coloro che sono unti con esso”.
I sette brani del Santo Vangelo purificano e nutrono la mente e l’essere dei fedeli presenti, con l’ascolto e la meditazione. L’omelia è stata tenuta da p. Vasile Barbolovici decano del Triveneto.
La partecipazione con fede di molti fedeli, ma soprattutto dei bambini, aiuta e fortifica la volontà perché viviamo con gioia le sette virtù (tre teologali: fede, speranza e carità, l’amore e quattro cardinali/morali: prudenza, giustizia, fortezza e temperanza). I bambini insegnano- della fanciullezza serbiamo anche noi sempre un caro ricordo- e ci aiutano ad essere pazienti. Essi partecipano a loro modo, tipico della loro età, anche giocando in chiesa, sentendo il profumo dell’incenso e facendo inebriare anche noi della Grazia divina proprio con la bella loro presenza in Chiesa. I bambini partecipano con la loro presenza ai Santi Sacramenti e guardano meravigliati alla testimonianza che diamo o soffrono, a loro modo, se non diamo loro alcuna testimonianza.
Nel momento indicato nel Rituale del Servizio religioso, i fedeli sono stati unti con l’olio consacrato dalla Grazia divina con la mediazione di sette sacerdoti concelebranti.
Al termine dell’amministrazione del Sacramento, i sacerdoti ed i collaboratori della Parrocchia hanno partecipato ad un’agape fraterna, organizzata nella ben conosciuta sala della parrocchia di lingua italiana “Araceli Nuova”, sala allestita per le persone che lavorano a Vicenza città e nelle zone limitrofe, dai parrocchiani del luogo per coloro che assistono agli anziani.
Ringraziamo tutti i partecipanti in modo particolare i reverendi sacerdoti venuti dalle località più lontane per rafforzare la collaborazione fruttuosa tra le parrocchie delle diverse città.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
P. Ioan Mărginean-Cociş

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.