Română | Italiano
HomeNotizie20153 Gennaio: Postepifania
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Concerto canzoni di Natale e festa Nazionale della Romania presso la Parrocchia Roma – Nord » Titolo: 11612.jpg

Anno: 2019

Evento: Concerto canzoni di Natale e festa Nazionale della Romania presso la Parrocchia Roma – Nord

Titolo: 11612.jpg

Notizie

Postepifania

Postepifania

Strane sensazioni ci mettono alla prova in questi giorni post-festivi di Natale: sollievo, rilassamento, tranquillità, anche pace. Perché strane? Beh, perché le sensazioni appena menzionate dovrebbero essere caratteristiche del periodo Natale-Epifania e non del periodo Post-Epifania. Se il periodo delle feste è stato per noi uno agitato, teso, affollato o addirittura fastidioso, vuol dire che ci siamo sbagliati ancora! Ciò significa che i party, i petardi, l'eccesso delle discussioni senza senso, dell'alcool o della carne, delle realtà commerciali e in genere, la mancanza di temperanza, fungevano da schermo protettivo - per l'ennesima volta!? - davanti all'Incarnazione, il gesto di umiltà donatoci da Dio.
Dio si è fatto uomo, non per soddisfare un suo capriccio, ma affinché le persone fossero divinizzate. Tuttavia, a differenza di altre filosofie e credenze, lo splendore del cristianesimo sta nel fatto che l'uomo ha la libertà di accettare o no la divinizzazione. E Dio - e la vita di ognuno di noi può provare - rispetta questa libertà! Proprio come rispettò la libertà degli angeli che rimasero fedeli o di coloro che si sono ribellati. Quanti di noi possono affermare con fermezza che, nel periodo appena concluso, siamo rimasti fedeli soltanto all'incarnazione del Signore? Quanti di noi rimarremo fedeli solo a lui anche in questo periodo dopo l'Epifania?
Gli eventuali rimorsi possono essere tardivi e inutili, se non siamo in grado di migliorare il nostro rapporto che abbiamo, o non abbiamo, con la Chiesa, vale a dire infatti il rapporto con Dio. Siamo ancora all'inizio dell'anno e del cammino e possiamo ancora prendere impegni. Ci sono ancora oltre 50 domeniche quest'anno e abbiamo la possibilità di non perdere neanche una Santa Messa che sarà celebrata ogni Domenica! Inoltre, quest'anno ha ancora più di 350 giorni. Sarebbe meraviglioso se nemmeno uno di questi giorni non venisse sprecato senza avere un piccolo dialogo con Dio. Naturalmente, a queste promesse si possono aggiungere molte altre: la confessione e la comunione frequente, poi i periodi di digiuno, varie altre rinunce, poi opere di carità, ecc. Solo in questo modo si potrebbe parlare del nuovo anno come un anno migliore! Solo in questo modo, il nuovo anno civile potrebbe essere uno in cui anche noi potremmo essere veramente migliori!
Qualunque siano gli impegni che prenderemo, desidero vivere ogni giorno di questo nuovo anno, come se vivessimo in una festa perenne della Natività. E al Natale che seguirà, dopo quasi un anno di esercizi, sapremo rimuovere qualsiasi tipo di schermo che potrebbe impedirci a guardare in chiaro il Bambino nato a Betlemme, nella mangiatoia.
Traduzione in italiano: p. Ioan Marginean-Cocis
Fonte: http://victorostropel.blogspot.ro/2013/01/postboboteaza.html?spref=fb
p. Victor Ostropel

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.