Română | Italiano
HomeNotizie201511 Aprile: Il numero di Pasqua della rivista “Foaia parohială” della comunità romena ...
Archivio foto
Anno: 2020 » Evento: Ordinazione di presbiteri presso la cattedrale di Oradea » Titolo: 11695.jpg

Anno: 2020

Evento: Ordinazione di presbiteri presso la cattedrale di Oradea

Titolo: 11695.jpg

Notizie

Il numero di Pasqua della rivista “Foaia parohială” della comunità romena di Padova

Il numero di Pasqua della rivista “Foaia parohială” della comunità romena di Padova

Nel mese di aprile del 2015, è uscito il n. 16/anno V della rivista “Foaia parohială” della comunità romena greco-cattolica di Padova.
La rivista inizia con la lettera pastorale per la Pasqua di S.Ecc.za Mons. Virgil Bercea, vescovo greco-cattolico di Oradea Mare, il responsabile con la pastorale dei migranti. Sua Eccellenza presenta un’interessante meditazione sul ruolo che la croce gioca nella vita di ognuno di noi. “La Croce ci aiuta a vedere con limpidezza ‘chi’ siamo e ‘che cosa’ possiamo diventare se amiamo ed onoriamo il Nostro Padre”. Il vescovo afferma con forza che “L’ora del Signore è l’ora dell’uomo! Così che la Croce rimane per ciascuno, l’ora in cui dobbiamo ascendere nella vita”. Alla luce della S. Pasqua, Sua Eccellenza rivolge a tutti, ma sopratutto a noi, i romeni che ci troviamo all’estero, parole calde e vibranti: “A coloro che sono lontani da casa, disseminati in Europa o nel mondo intero, vorrei dire che sono essi le ferite aperte del Signore nel corpo delle loro famiglie, nel corpo della Chiesa e nel corpo della Patria. Siate forti e degni nello stesso Signore che è risorto da morte, perchè Egli è Colui che vi aiuta a portare queste piaghe che danno la salvezza”. (Testo romeno e italiano).
Il secondo -andando per ordine-, è l’articolo di Cristian Bădiliţă “L’unificazione della data della pasqua: una questione di normalità e di buon senso”. Bădiliţă riprende qui la storia del modo in cui si usa fissare la data della Pasqua, specificando tutte le tendenze (asiatica e/o alessandrina) che hanno preceduto il Concilio di Nicea, nel leggiferare la data della Solennità. Allo stesso modo, egli spiega perché i romeni ortodossi hanno adottato solamente in modo parziale il calendario gregoriano (misura che influenza la data della Pasqua), individua riduzionismi storici e porta una proposta in vista dell’unificazione. (Testo romeno e italiano).
Nella sezione “Letteratura”, con questo numero la rivista inizia la pubblicazione delle memorie pastorali del sacerdote e filosofo greco-cattolico Ioan Miclea. Pieno di umorismo e di talento, p. Miclea racconta avvenimenti dalla prima parrocchia in cui fu inviato, subito dopo la sua ordinazione sacerdotale.
La sezione “Dalla vita della comunità” ricorda alcuni momenti significativi che i romeni di Padova hanno vissuto insieme e durante la Grande Quaresima. Certamente, non manca il programma delle funzioni del Triduo Pasquale, come anche gli auguri di Pasqua da parte dei sacerdoti e dei diaconi della comunità.
L’ultima sezione è quella che riguarda la programmazione dei pellegrinaggi mariani che la comunità organizzerà ogni domenica del mese di maggio, dopo le Divine Liturgie, presso vari santuari e luoghi mariani dalla zona di Padova.
          
P. Cristian Sabău

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.