Română | Italiano
HomeNotizie201521 Aprile: La festa patronale della parrocchia di Cesena
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza » Titolo: 11554.jpg

Anno: 2019

Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza

Titolo: 11554.jpg

Notizie

La festa patronale della parrocchia di Cesena

La festa patronale della parrocchia di Cesena

Cristo è risorto!
”Giorno della Risurrezione! Illuminiamoci con la Festa ed abbracciamoci l’un l’altro … perdoniamo ogni cosa per la Risurrezione”
Dopo una celebrazione tanto intensa per la preghiera, con la Santa Liturgia e l’”Aghiasma” (Benedizione delle acque) che irradiava luce, sarebbe difficile aggiungere qualcosa, una parola umana. Soprattutto perché la festa del giorno odierno, coincide con il decimo anniversario della Parrocchia “Fonte di guarigione” di Cesena- seguita da un’intera settimana di frutti, di luce che illumina la Chiesa settimana del tutto meritata, chiamata appunto Settimana Illuminata (o del Rinnovamento). La Settimana della Risurrezione, è Settimana di festa, della festa del nostro Salvatore Gesù Cristo. Tutta la nostra fede è riposta sotto la luce della Risurrezione.
La Risurrezione del nostro Salvatore Gesù Cristo dà un valore a tutti coloro che sono vissuti prima ed a coloro che verranno in futuro. Per questo è una luce che ci avvolge e che pone in evidenza quello che non avremmo conosciuto e quello che non sarebbe stato, se non ci fosse stata la Risurrezione di Nostro Signore.
Durante la Quaresima, alla Liturgia dei Presantificati, il sacerdote con la candela in mano dice: “Luce di Cristo, illumina tutti!” come una specie di pre-annunzio di quello che succederà a Pasqua. Al Mattutino della Risurrezione, il sacerdote, porgendo la luce dalla candela accesa a tutti i fedeli che sono presenti,esorta: “Venite e prendete la luce!” Poi durante i sacri uffici liturgici di Pasqua di tutta la Settimana Illuminata sempre si ricorda la luce ed il sacerdote dice: “ Ora, tutte le cose sono state riempite di luce; sia il cielo sia la terra, sia ciò che si trova sotto terra. Quindi, ogni creatura festeggi la Risurrezione di Cristo, grazie a cui si è rafforzata.” Per questo si è detto giustamente che la Settimana Illuminata è il cielo dell’anno ecclesiastico, è il vivere un’anticipazione della vita dell’Aldilà, della vita con Cristo, della vita del Paradiso.
La fonte della Guarigione è una festa della Madre di Dio che è stata collocata il Venerdì della Settimana Illuminata; essa ricorda uno dei miracoli della Madre di Dio- la guarigione di un cieco dopo che questi s’era bagnato il volto con l’acqua di una fontana. Abbiamo avuto l’occasione nella festa patronale della Parrocchia di Cesena di comprendere, illuminati dallo Spirito Santo, che la Madre di Dio è “la fonte da cui sgorga ogni bontà e moltitudine di guarigioni, sgorgando dall’abbondanza dalla ricchezza di bene per tutti quelli che ne hanno bisogno affinché il loro animo sia rafforzato per la salute del corpo con l’acqua e la grazia.” Così, poiché la Chiesa festeggia anche la Madre, abbiamo avuto una data in più per Maria e la gioia di dissetarci dalla Fonte dei Miracoli. Non c’è malattia che portiamo dinnanzi a Cristo che non sia guarita, annullata, uccisa dalla potenza del Salvatore, l’elargitore di Miracoli, Dobbiamo così “chiedere nelle nostre preghiere in modo speciale la guarigione spirituale, quella dell’anima”, come ci ha consigliato nella sua omelia padre Ioan Pop, coordinatore nazionale per la missione pastorale per gli immigrati greco-cattolici romeni d’Italia.
Alla Santa e Divina Liturgia ha partecipato il Vescovo della Diocesi di Cesena-Scarsina, Sua Ecc. Douglas Regattieri ed hanno concelebrato Abba Orfeo – superiore del Monastero della ”Piccola Famiglia della Resurrezione” di Valle Ripa (Cesena), don Agostino Galassi della parrocchia di ”S. Bartolomeo” di Cesena, il diacono Toni Salvatore della Parrocchia di Gatteo Mare, p. Augustin Horea Costinaş della parrocchia di ”S. Giorgio ” di Faenza e p. Tiberiu Septimiu Sîrbu della parrocchia della “Dormizione della Madre di Dio” di Imola.
Alla fine della Santa e Divina Liturgia si celebrata la piccola “Aghiasma”[Benedizione delle Acque] e sono stati benedetti i fedeli.
Affrettiamoci, andiamo alla Madre del Signore-Fonte di Guarigioni, all’acqua viva, che è sgorgata da Cristo, all’acqua della salvezza per tutti i fedeli.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
P. Mihai David

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.