Română | Italiano
HomeNotizie201512 Maggio: Il pellegrinaggio dei romeni greco-cattolici di Padova a Luvigliano
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza » Titolo: 11573.jpg

Anno: 2019

Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza

Titolo: 11573.jpg

Notizie

Il pellegrinaggio dei romeni greco-cattolici di Padova a Luvigliano

Il pellegrinaggio dei romeni greco-cattolici di Padova a Luvigliano

Ogni anno, dedichiamo il mese di Maggio alla Vergine Maria, innalzando la nostra preghiera calda e piena d’amore verso di Lei e organizzando brevi pellegrinaggi. Domenica, 10 maggio 2015, dopo la Divina Liturgia, assieme ad un gruppo composto da membri della comunità romena greco-cattolica di Padova, siamo partiti in un pellegrinaggio alla chiesà della località detta Luvigliano (nella provincia di Padova, sui Colli Euganei), dove si trova anche la “Villa dei Vescovi “, antica residenza estiva dei gerarchi di Padova. Luvigliano gode una posizione di grande prestigio nella storia religiosa di questa zona. L’esistenza della parrocchia fu attestata nei documenti già nel 1077 e, sino ad oggi, il sacerdote parroco gode del rango ecclesiastico di “Arciprete”. Inizialmente, la chiesa era costruita dove sorge oggi la “Villa dei vescovi”, però è stata completamente abbattuta nel 1474 e ricostruita nel posto in cui si trova attualmente. All’interno, in questo tempio dedicato a San Martino, abbiamo potuto osservare arte ed ornamenti caratteristici del barocco.
La chiesa ospita una copia della grotta di Lourdes, in cui la Madonna si è mostrata nel 1858 a Bernadette Soubirous. Una volta giunti davanti alla Vergine Santa, abbiamo iniziato la preghiera recitando il “Piccolo Canone alla Madre di Dio per la Consolazione dell’anima” (Paraklitikos). Il p. Cristian Sabău ci ha tenuto una bella meditazione, che ha portato gioia nei nostri cuori. Partendo dall’invocazione „Preghiamo le misericordie” del poeta nazionale dei romeni Mihai Eminescu, egli si è soffermato sull’immagine di Maria attraverso cui scende verso di noi la moltitudine delle misericordie di Dio e sulla sua presenza quale „Stella dei mari” che nella notte, sul mare della vita, annuncia l’arrivo dell’alba e la fine di ogni burrasca. Non per ultimo, ci spiegò il significato del fatto che la Madonna di Lourdes viene rappresentata con gli occhi levati verso il cielo, applicando qui il verso di Eminescu „Il tuo venerato sguardo discenda verso di noi”.
Per concludere, abbiamo ascoltato un’interpretazione in musica della “Preghiera” di Mihai Eminescu (nell’interpretazione del coro “Francisc Hubic” di Oradea) ed abbiamo prolungato la nostra presenza davanti a Maria, intonandoLe canti di lode. Non mancò il momento di fraternità del pranzo in cui ognuno, dopo l’essersi nutrito spiritualmente, ha preso del nutrimento anche per il corpo, in un clima di amicizia e di distensione.
Daniela Dini

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.