Română | Italiano
HomeNotizie201527 Ottobre: Battesimo di Tristan Crin Jarovit nella cappella dell’Arciconfraternita di ...
Archivio foto
Anno: 2017 » Evento: La parrocchia Roma Nord in pellegrinaggio presso il Santuario del Santo Padre Pio a San Giovanni Rotondo » Titolo: 10149.jpg

Anno: 2017

Evento: La parrocchia Roma Nord in pellegrinaggio presso il Santuario del Santo Padre Pio a San Giovanni Rotondo

Titolo: 10149.jpg

Notizie

Battesimo di Tristan Crin Jarovit nella cappella dell’Arciconfraternita di Sant’Antonio a Padova

Battesimo di  Tristan Crin Jarovit nella cappella dell’Arciconfraternita di Sant’Antonio a Padova

Come si sa, la comunità greco-cattolica romena si riunisce ogni Domenica nella Chiesa di Via Beato Pellegrino, messa a disposizione dalla Suore Elisabettine, ad eccezione della IV Domenica in cui i fedeli si riuniscono, invece, nella Chiesa dell’Arciconfraternita che è la prima cappella esterna a cui si accede dal sagrato della Basilica del Santo.
Domenica scorsa, 25 Ottobre, la nostra Liturgia è stata concelebrata da un ospite illustre l’Archimandrita Mons. Sergio (Siarghiej) Gajek M.I.C., visitatore apostolico della Chiesa Greco-Cattolica Bielorussa e da padre Aetius Pop. Hanno letto le litanie Marius Pacala e l’autore di queste righe.
Padre Enzo Poiana, Rettore della Basilica del Santo, nostro amico ed amico dei riti Orientali, ha volentieri concesso che il rito avvenisse nella Basilica Pontificia. La cappella era stata preparata per l’occasione da fratel Ambrogio, con competenza e diligenza.
La nostra gioia è stata immensa non solo per la presenza di Mons. Sergio che aveva già visitato la nostra comunità, ma anche perché durante la Liturgia è stato e battezzato, cresimato ed ha ricevuto la Santa Comunione Tristan Crin Jarovit, nato a Milano, nello scorso Giugno, figlio del signor Kiryl, greco-cattolico della parrocchia di San Giuseppe di Minsk e della signora Laura, romena-ortodossa.
Così hanno pregato assieme romeni, italiani e bielorussi per il piccolo Tristan che è stato buonissimo durante l’intera cerimonia.
Le preghiere del rito bizantino si sono susseguite in italiano, bielorusso e romeno.
Monsignor Gajek ha sottolineato, dopo la proclamazione del Santo Vangelo(Gli indemoniati di Gherasa), fatta in romeno ed in italiano da padre Aetius, che il Battesimo nella nostra tradizione è detto rito di illuminazione ed il neo-battezzato “neo-illuminato”, gioia dunque per la comunità di Cristo.
Al termine della Liturgia e del rito del Battesimo, è seguito un rinfresco nel chiostro della Basilica cui hanno partecipato non solo mamma Laura e papà Kiryl, ma anche i padrini ( un’italiana ed un romeno), alcuni parenti del neo-illuminato, Monsignor Sergio Gajek, Padre Aetius, Marius Pacala, studente presso l’Istituto di Liturgia Pastorale di Santa Giustina e i fedeli presenti alla Liturgia.
Questo a testimonianza del fatto che il Sacramento, o meglio i tre Sacramenti di iniziazione cristiana, non sono un “affare privato” di famiglia, ma un momento forte che deve coinvolgere tutta la comunità. Non si canta infatti la preghiera, tratta da San Paolo ( Gal 3, 26-27). Tutti voi che siete stati battezzati in Cristo, siete stati rivestiti di Cristo ? Alliluia!
Siamo stati contenti che la famiglia del bambino, abbia scelto come luogo per conferire i tre Sacramenti di Iniziazione cristiana la Basilica del Santo, Sant’ Antonio, tanto cara ai Romeni ed a altri fedeli di Rito Orientale.
Benvenuto Tristan Crin Jarovit, benvenuti i tuoi cari genitori Kiryl e Laura, vi salutiamo con la speranza di avervi presto tra di noi.
Prof. Munarini Giuseppe

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.