Română | Italiano
HomeNotizie20159 Novembre: La festa della parrocchia - occasione di incontro e unità tra i romeni
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: La Festa Naţionale della Romania e cinque anni dalla fondazione della Comunità Romena Catt. di rito bizantino » Titolo: 11598.jpg

Anno: 2019

Evento: La Festa Naţionale della Romania e cinque anni dalla fondazione della Comunità Romena Catt. di rito bizantino

Titolo: 11598.jpg

Notizie

La festa della parrocchia - occasione di incontro e unità tra i romeni

La festa della parrocchia - occasione di incontro e unità tra i romeni

Domenica 8 Novembre 2015, la Parrocchia “I Santi Arcangeli Michele e Gabriele” ha festeggiato il tredicesimo anniversario della sua fondazione. Con grande gioia, indossati gli abiti festivi, i fedeli di Forlì hanno ricevuto i fedeli di Mirandola, Cesena e della zona di Forlì.
La Santa e Divina Liturgia è iniziata con una processione, con la Santa Croce “che dischiude la via”. La Liturgia è stata concelebrata dai padri Ioan Feier, Aron Coroian, Mihai David e dal diacono Dănuţ Buticaş. Alla cerimonia religiosa erano presenti il consigliere per l’integrazione sociale Davide Drei – e Roberto Ravaioli, il coordinatore del servizio Migrantes della Diocesi di Forlì-Bertinoro.
P. Ioan Feier, nella sua omelia ha detto: “ Dio quando ha creato il mondo, il cielo e la terra, il mare e la terra ferma, creò dapprima il mondo invisibile. Creò il mondo senza confini dell’amore e creò gli angeli. “ Ha poi aggiunto: “ Gli angeli sono i nostri amici più vicini. Né il padre, né la madre, né i fratelli, né gli amici sono tanto prossimi a noi quanto l’angelo custode. Il solo che rimane accanto a noi fino all’ora della nostra morte è l’Angelo custode, perché egli ha l’incombenza di scrivere tutte le nostre azioni , buone o cattive che siano, compiute da noi sulla terra. Se avete rattristato l’Angelo Custode, avete l’occasione di chiedergli perdono.” Ci ha poi consigliato: “ Prendiamo l’esempio dagli angeli perché loro non bisticciano, non lottano per avere un posto più prestigioso. Amatevi come si amano gli Angeli del cielo.!” Alla fine dell’omelia ci ha esortato con queste parole: “ L’Angelo Custode è alle tue spalle sempre. Invitalo, quando non ne puoi più di stare dinnanzi a te!”.
Alla fine della Santa Liturgia il parroco Mihai David ha detto: „ Abbiamo pregustato la gioia del paradiso: perché Gesù è in mezzo a noi. Nella Santa Eucarestia è lo stesso Dio che ci comunica che Gesù risorto ci conferisce la Grazia divina come cibo, come Dono, dà Se stesso. Con questo meraviglioso Sacramento, Dio nutre la fame dell’uomo, desiderando sostenere e rafforzare tutto l’uomo. È una presenza reale. Gesù risorto è in mezzo a noi. Non si tratta solo di un ricordo, di una commemorazione, ma noi diveniamo contemporanei all’avvenimento, la nostra povera umanità si unisce così con lo splendore della Divinità. Nella Santa Liturgia Eucaristica si conferma l’unità dei partecipanti, e la Chiesa diviene il Corpo di Cristo, ossia “ non sono io colui che vive, ma è Cristo che vive in me. Solo con il cuore si può vedere l’essenziale. Dov’è l’amore, là c’è l’intendimento. In altre parole, solo colui che ama vede bene.” Il parroco ha anche aggiunto: “ L’Angelo custode trascorre molto tempo con noi. Molto spesso non possiamo vederlo ed anche abbiamo difficoltà a percepirne la presenza. Ma la fede nella sua presenza accanto a noi, conferisce già uno stato di sicurezza. Detto così, non siamo mai soli, anche nei momenti più difficili. Con noi si trova sempre colui che ci ama profondamente e in modo incondizionato, anche se noi consideriamo di non meritare ( conformemente agli standard umani) e siamo perfettamente consci dei nostri errori, L’Angelo custode è sempre con noi, pronto a perdonarci e ad incoraggiarci, a sorreggerci e ad aiutarci a trasformarci:”
La gioia della Festa si è prolungata con un’agape cristiana offerta e preparata con molto amore dai parrocchiani. P. Mihai, p. Ioan ed il diacono Dănuţ hanno entusiasmato i fedeli romeni presenti alla Festa con i canti tradizionali romeni.
I fedeli delle Parrocchie di Forlì Cesena e Mirandola- alcuni tra di loro si conoscevano dalla Romania, si sono visti di nuovo dopo anni, la festa patronale è stata perciò un’occasione di incontro e di unione tra Romeni, si sono rivisti a Mirandola per festeggiare assieme il Patrono della Parrocchia Sant’Andrea e la Festa Nazionale della Romania - giorno di tutti i romeni.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
Claudia David

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.