Română | Italiano
HomeNotizie201523 Novembre: Il Sacramento dall'Unzione a Udine nella Missione Romena Unita a Roma ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Concerto canzoni di Natale e festa Nazionale della Romania presso la Parrocchia Roma – Nord » Titolo: 11610.jpg

Anno: 2019

Evento: Concerto canzoni di Natale e festa Nazionale della Romania presso la Parrocchia Roma – Nord

Titolo: 11610.jpg

Notizie

Il Sacramento dall'Unzione a Udine nella Missione Romena Unita a Roma presso la Chiesa di San Cristoforo

Il Sacramento dall'Unzione a Udine nella Missione Romena Unita a Roma presso la Chiesa di San Cristoforo

A Udine, padre Ioan e i fedeli della Missione Romena “San Cristoforo” presso la Chiesa S. Cristoforo nell’omonima piazza, hanno organizzato la celebrazione del sacramento dell’Unzione – uno dei sette Sacramenti istituiti da Gesù Cristo per noi nella Sua Chiesa (il Battesimo, la Cresima, l’Eucaristia, la Confessione, l’Unzione, il Matrimonio e l’Ordine sacro) – Domenica 22 novembre 2015 alle ore 15.30.
In presenza di alcuni sacerdoti e diaconi romeni del Triveneto che hanno celebrato il Sacramento dell’Unzione in modo a tutti comprensibile.
Alcune preghiere e alcune risposte sono state date dall’intera assemblea e le parti principali della celebrazione con preghiere molto struggenti per invocare l’aiuto divino e il perdono dei peccati, per la guarigione dell’anima e del corpo sono state vissute dai fedeli molto intensamente.
Mi ricordo che da piccolo quand’ero presente a queste celebrazioni, per intere ore e nessuno mi aiutava a partecipare anima e corpo, nel senso di un vissuto della Parola di Dio, durante le sette letture dalle Lettere Apostoliche e le sette letture dai Vangeli, poi le simbologie e i movimenti simbolici e le preghiere di guarigione che ci aiutano a renderci consapevoli del fatto che siamo persone bisognose di ritmo per una vita spirituale, di un ordine che ci sostiene nella lotta contro il disordine del mondo e della propria vita, contro la dissolutezza, la pigrizia, la paura per il futuro o la preoccupazione insensata per l’oggi e l’indomani e perché no, proprio contro la paura di morire, che in questi giorni si manifesta a causa del terrorismo in diverse parti nel mondo. Sia l’incidente di Bucarest nel “Club Colectiv”, sia gli attentati terroristici di Parigi e del Mali, per non parlare delle zone di guerra continua che inducono a nuovi scenari di paura e di morte.
Un’altra lotta di grande importanza è quella spirituale, quella contro il disordine nella propria vita, contro le tentazioni, contro la pigrizia spirituale, contro l’infelicità, contro le disgrazie e le necessità di ogni tipo.
La più grande povertà non è quella materiale, bensì la povertà degli stolti, la povertà di essere bramoso oltre misura, la povertà di coloro che vivono disordinatamente e senza obiettivi nella vita, la povertà di una vita senza Dio, la povertà di coloro che non possono o non vogliono perdonare ecc. ecc.
Sorprendentemente su 365 abbiamo giorni di un intero anno solare, abbiamo 52 domeniche, di cui un’ora o forse un’ora e mezza siamo chiamati a nutrirci l’anima e la propria vita con Cristo eucaristico, in una presenza alla Santa Messa per ringraziare Dio. Già su sette giorni addirittura sei sono destinati alla nostra a noi e appena una giornata fu in principio dedicata alla festa con Dio, appunto rivalutata poi da Cristo come Domenica, Dies Domini, il primo giorno della settimana. Migliaia di volte in un anno, rivolgiamo a Dio richieste di ogni tipo e modo e almeno 52 volte – le Domeniche – organizzarsi per ringraziare Dio sinceramente. Alcuni arrivano a ringraziare il Signore per un soffio di vento, per un fiore, per un sorriso ecc. e altri non riescono a trovare un po’ di tempo nemmeno per essere grati per la propria vita, cose se l’avesse privatizzata. I santi ringraziano perfino per le sofferenze e le ingiustizie ricevute che offrono poi per il bene di altri fratelli dentro quel legame con Dio chiamato comunemente comunione di amore.
Il sacramento dell’Unzione dei malati nella celebrazione liturgica ha molte preghiere potenti per la guarigione spirituale e corporea, la purificazione mediante l’ascolto della Parola di Dio dalla Bibbia nelle sette letture dalle Lettere del Nuovo Testamento e nelle sette letture dai Vangeli. Segue poi l’unzione vera e propria sulle parti principali del corpo per ottenere un legame più sano e forte tra anima e corpo, una sorta di equilibrio e di sostegno reciproco.
Ringrazio di cuore tutti quelli che si sono dedicati volentieri e gioiosamente alla realizzazione di questo evento spirituale a Udine, presso la Missione Romena in Friuli nella Chiesa di “San Cristoforo”, dove siamo ormai da 13 anni; la prima Santa Messa fu celebrata, infatti, il 1 di novembre 2002.
Nell’Avvento 2015, che per noi inizia il 15 novembre e dura 40 giorni, siete tutti invitati al Gruppo della “COLINDA” (canto natalizio romeno): Adulti ogni Venerdì alle ore 19.00 e i bambini ogni Sabato alle ore 17.00.
Indirizzo: Udine, Piazza San Cristoforo, Chiesa di San Cristoforo, in centro all’inizio di Via Gemona (o alla fina se si parte da piazzale Osoppo). Info. parohiaUdine@gmail.com; tel. 377.149.32.35 (wind).
Per Facebook parohiaUdine2002 si trovano fotografie con la chiesa e diversi eventi.
Traduzione in italiano p. Ioan M-C
p. Ioan Marginean-Cocis

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.