Română | Italiano
HomeNotizie201615 Febbraio: Il Vescovo Mons. Simone Giusti presiede la Divina Liturgia Eucaristica della ...
Archivio foto
Anno: 2018 » Evento: CENTENARIO DELLA GRANDE UNIONE DEI ROMENI. A Udine l'evento OLTRE EL SBARRE 2018 » Titolo: 11006.jpg

Anno: 2018

Evento: CENTENARIO DELLA GRANDE UNIONE DEI ROMENI. A Udine l'evento OLTRE EL SBARRE 2018

Titolo: 11006.jpg

Notizie

Il Vescovo Mons. Simone Giusti presiede la Divina Liturgia Eucaristica della Chiesa Greco-Cattolica Romena

Il Vescovo Mons. Simone Giusti presiede la Divina Liturgia Eucaristica della Chiesa Greco-Cattolica Romena

Da poco tempo è presente a Livorno la Comunità Greco-Cattolica Romena e dal momento che va aumentando di numero, si è reso necessario poter disporre di una chiesa dove poter celebrare la divina liturgia e i sacramenti, Monsignor Giusti sta predisponendo affinchè la Chiesa della Purificazione possa diventare una parrocchia personale greco cattolica romena. La Chiesa greco cattolica romena è una delle Chiese che sotto il regime comunista ha subito una tragica persecuzione. Infatti Stalin che già nel 1946 aveva provveduto ad annientare la Chiesa greco-cattolica ucraina, ossessionato dall’idea che le “divisioni del Papa” costituissero l’unico vero ostacolo al trionfo del sistema sovietico, costrinse il clero e i fedeli greco-cattolici a passare forzosamente all’ortodossia, pena il carcere o la morte. Il rifiuto comportò a partire dall’estate del ’48 i primi arbitrari arresti, i primi interrogatori, le prime vessazioni contro la Chiesa cattolica di rito orientale che poi sfociarono nella sua ufficiale messa al bando con l’“Atto di abrogazione” del 1° dicembre 1948. All’inizio della persecuzione, tale Chiesa poteva contare su 6 vescovi, circa 1800 sacerdoti e 2 milioni di fedeli. La risposta dei vescovi fu da subito ferma il vescovo Hossu aveva dichiarato: “per nessun motivo diverremo traditori e per nessun motivo abbandoneremo la fede di nostra madre Roma (…). Se ci fosse anche chiesta la vita, ebbene daremo la vita per la fede”. A monsignor Aftenie (1899-1950), uomo di dialogo e di schietta bonomia, perciò a torto considerato arrendevole dal regime, fu proposto persino, in cambio della sua “conversione”, di divenire patriarca ortodosso di Bucarest. Rispose: “Né la mia fede né la mia nazione sono in vendita”. Le torture cui fu sottoposto direttamente nelle stanze del Ministero degli interni lo condussero ad una morte atroce: quando il suo corpo fu rinvenuto risultava senza braccia. Aftenie divenne così il primo martire della Chiesa romena.
Per la Comunità guidata dal Parroco Vasile Orghici sono stati presenti anche altri sacerdoti da Pisa, Padre Giovanni Rodine, Padre Pietro Viski dalla Comunità Ucraina e da Firenze Padre Sician Valer il decano dei sacerdoti, impegnati pastoralmente nella zona Toscana ed Umbria, accompagnato anche dalla sua famiglia e anche un bel gruppo da Roma che hanno presentato un bel programma al Vscovo Simone. Naturalmente per la Comunità greco-catolica romena è stata una grande gioia avere la presenza del Vescovo Giusti il quale ha avuto espressioni di gratitudine per aver potuto concelebrare con una comunità che per decenni ha retto il martirio per rimanere fedele a Cristo. ’’Purtroppo anche in altri luoghi assistiamo a martiri e persecuzioni e il demonio sembra non smettere di essere presente nelle più svariate forme, ma la testimonianza di fede come quella romena ci è di esempio per continuare a professare che solo in Cristo c’è salvezza’’.
Padre Vasile ringraziando dei doni ricevuti ha assicurato la vicinanza e la preghiera costante per il Vescovo Simone e la Diocesi di Livorno: ’’Eccelenza la nostra comunita, dice fedelmente grazie a lei e alla sua diocesi. Eccelenza siamo una comunita giovane e personalmente vorrei che questa comunita sia sempre aperta all’amore del prossimo, alla solidarieta e alla carità. Grazie Eccellenza di questa Sua presenza così forte e significativa nella nostra comunità! Eccelenza le assicuriamo della nostra gratitudine e della preghiera cotidiana’’!
Anita Monica Leonetti Giornalista del vescovado di Livorno

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.