Română | Italiano
HomeNotizie201617 Maggio: Il pellegrinaggio dei fedeli della Comunità Romena Unita di Padova a Montegalda
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza » Titolo: 11554.jpg

Anno: 2019

Evento: ll Sacramento dell'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Araceli di Vicenza

Titolo: 11554.jpg

Notizie

Il pellegrinaggio dei fedeli della Comunità Romena Unita di Padova a Montegalda

Il pellegrinaggio dei fedeli della Comunità Romena Unita di Padova a Montegalda

Domenica 15 Maggio, al termine della celebrazione della Santa e Divina Liturgia, la Comunità Greco-cattolica di Padova ha preso parte ad un breve pellerinaggio nella Parrocchia di Santa Giustina martire a Montegalda, ove il parroco don Silvano Silvestrin, uomo molto generoso ci ha spiegato ed insegnato a leggere i meravigliosi affreschi degli artisti romeni Mihail e Maricica Ivanov. Queste pitture ricche di simbologie bizantine sono dipinte sulla superficie al di là dell’altare, sia nella parte centrale, sia attorno ad esso. Maria, la Santa Deipara, è assisa su un trono e tiene in braccio il Bambino. L’affresco misura otto metri ed occupa la parte centrale dell’abside; alla sua destra ed alla sua sinistra vi sono gli arcangeli Michele e Gabriele.
Sono raffigurati anche diversi santi dell’Oriente e dell’Occidente. Ci hanno colpito tre raffigurazioni: la Crocifissione, la Risurrezione e la Discesa dello Spirito Santo. Le sei Teofanie dipinte in modo tanto espressivo e facilmente comprensibile sono una vera lezione di catechesi.
Queste sono: la manifestazione di Gesù ai Magi, il Miracolo delle Nozze di Cana di Galilea (la trasformazione dell’acqua in vino), il Battesimo di Gesù, la Trasfigurazione sul Tabor, la Risurrezione di Lazzaro e l’entrata solenne di Gesù a Gerusalemme (Domenica dele Palme).
Dopo questa meravigliosa catechesi abbiamo pregato assieme la Madre di Dio, sia servendoci della Paraclisis sia del Santo Rosario. Ci siamo poi recati in una saletta, messa a disposizione da don Silvano, e ci siamo fraternamente divisi, per una piccola agape fraterna, i preparati culinari che avevamo portato con noi.
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
p. Aetius Pop

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.