Română | Italiano
HomeNotizie201628 Novembre: La festa della comunità di Mirandola
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: Il Console Generale di Romania a Milano, il signor Adrian Georgescu, a Bolzano » Titolo: 11529.jpg

Anno: 2019

Evento: Il Console Generale di Romania a Milano, il signor Adrian Georgescu, a Bolzano

Titolo: 11529.jpg

Notizie

La festa della comunità di Mirandola

La festa della comunità di Mirandola

Domenica 27 Novembre 2016, la Comunità Greco-Cattolica di Mirandola ha onorato il protettore il Santo Apostolo Andrea. All’evento sono stati presenti: Don Michele Choescki, responsabile della comunità di lingua polacca nella Diocesi di carpi, P. Florin Ifrim, il Diacono Dănuţ Ioan Buticaş e P. Ioan Feier, responsabile della Comunità. I canti della Santa Liturgia sono stati accompagnati dal „Gruppo vocale Moroşenii”, diretto dal signor Vasile Roman, gruppo che ha eseguito un’ antologia di canti patriottici e natalizi, le tradizionali “colinde”.
Il gruppo di Missione e Preghiera “Sfânta Cruce” [Santa Croce] di Bologna ha eseguito le “colinde” e questo ci ha impressionato ed emozionato nel contempo. Il padre responsabile ha consegnato due diplomi di eccellenza al “Grup Moroşenii” ed alla signorina Francesca Peratti che rappresenta la comunità romena sulle grandi scene di balletto in Italia, solo a 16 anni con numerosi premi vinti, in quest’occasione, abbiamo desiderato incoraggiarli. Nello stesso tempo, abbiamo consegnato a ciascuna famiglia che ha partecipato a quest’avvenimento un “Certificato di riconoscenza”, per lo sforzo dimostrato nell’organizzazione di quest’avvenimento meraviglioso.
Dall’omelia della santa Liturgia di p. Florin Ifrim abbiamo potuto osservare il consiglio di restare fedeli alla vocazione all’apostolato, di seguire le parole del Signore ed i Suoi insegnamenti, come anche di prendere d’esempio la vita dei Santi Apostoli. Egli ha sottolineato la responsabilità che abbiamo dinnanzi alla famiglia, alla Chiesa ed al mondo. “Vieni dietro di me”! La rinuncia di sé alla sequela del Signore. Il tempo è breve e dobbiamo fare bene i nostri conti, perché presto saremo chiamati dal Padre che abbiamo servito nella vita, dal Padre celeste oppure dal “sârsâilă” (nome popolare del diavolo), il diavolo. L’importante è vivere una vita di fede, oggi che vi sono tanti allattamenti… Vi consiglio di ascoltare, miei cari fratelli e care sorelle, quelli che sono chiamati a servire il padre parroco ed il padre diacono. Il nostro servizio è leggero, ma pieno di tentazioni.
Tutti siamo chiamati ad una vita santa, ad una vita di sacrificio, per ottenere meritevolmente la vita eterna. Se non ci incontrassimo più, Vi auguro buone feste e di essere in buona salute. Grazie”!
Padre Ioan ha ringraziato ogni sacerdote che ha partecipato, offrendogli una candela ed un Certificato di Ringraziamento. Ha poi invitato i presenti a cantare il tradizionale ”La mulţi ani!” [Tanti auguri], a coloro che si chiamano Andrei o Andrea, ma anche per tutti i Romeni che festeggiano il Giorno dell’Unione Nazionale.
Il Padre ha poi invitato i presenti a partecipare ad un’agape d’Avvento in cui sono state serviti piatti tradizionali come il “sarmale”, il pesce ed i dolci.
In quest’occasione è stata presentata e diffuso il secondo numero della Rivista Parrocchiale “Glasul Apostolilor” [La voce degli Apostoli] con la benedizione di Sua eccellenza il Vescovo Virgil Bercea.
Il Padre ha invitato per Domenica 4 Dicembre i bambini della Comunità a venire ad addobbare l’albero di Natale.
Auguri ai fratelli romeni!
Auguri a quelli che portano il nome di Andrei o di Andrea
Il digiuno di Natale vi sia lieve e sia benedetto!
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
P. Ioan Feier

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.