Română | Italiano
HomeNotizie20171 Aprile: L'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Roma Nord
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: “Camminiamo insieme” da Roma a Blaj e Lourdes » Titolo: 11436.jpg

Anno: 2019

Evento: “Camminiamo insieme” da Roma a Blaj e Lourdes

Titolo: 11436.jpg

Notizie

L'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Roma Nord

L'Unzione degli ammalati nella Parrocchia Roma Nord

Sabato I Aprile 2017, nella Parrocchia “ I tre Santi Gerarchi” di Roma -Nord, è stato celebrato il Sacramento dell’Unzione [degli Infermi], detto nella nostra lingua “Maslu”. L’Ufficiatura si è svolta nel teatro “San Valentino” della Parrocchia. Assieme a Padre Serafim Vescan Iulian, parroco, hanno concelebrato i Sacerdoti Dumitru Simionca, Lucian Lechinţan S.J. e Vincenzo Lai, padre spirituale del Collegio “Pio Romeno”, padre Ionuţ Ursuleac ed altri due sacerdoti latino-americani studenti di alcuni istituti pontifici di Roma.
L’Ufficiatura dell’Unzione ha trovato spazio nelle attività spirituali peculiari al Grande Digiuno o Quaresima della Santa Pasqua, infatti essa è celebrata al fine di una migliore preparazione dei fedeli alla Festa delle Feste, ossia alla Santa Risurrezione.
Sia prima sia dopo la celebrazione, i fedeli hanno avuto la possibilità di confessarsi e di avere un colloquio spirituale con i sacerdoti presenti.
Una particolarità della celebrazione è stata quella che, ad ogni pericope del Santi Vangeli prevista dal “Molitvelnic” o “Rituale”, i sacerdoti hanno pronunziato un breve passo di edificazione spirituale e di spiegazione su questo Sacramento e sulla Quaresima in generale. Anche se lunga, dal punto di vista di tempo, l’Ufficiatura si è concretizzata in un’atmosfera di fratellanza e di intensa preghiera, in quanto ciascuno poteva mettere al cospetto di Dio sia le fragilità corporali sia quelle spirituali o dell’anima.
Alla fine dell’Ufficiatura è seguita l’unzione con l’olio benedetto durante la cerimonia.
Siccome poi ci trovavamo in uno dei Sabati della Grande Quaresima, è stato celebrato anche un servizio religioso in suffragio dei defunti, detto nella nostra lingua “Parastas”.
Un’agape fraterna, preparata dai fedeli della Parrocchia, ha concluso, come momento di socializzazione e di condivisione, la celebrazione di questo Sacramento.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
P. Ionuţ Ursuleac

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.