Română | Italiano
HomeNotizie20179 Aprile: L'ingresso nella nuova chiesa in occasione delle Palme a Forlì
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: La seconda parte dell'incontro nazionale dei sacerdoti romeni cattolici di rito bizantino a Firenze » Titolo: 11303.jpg

Anno: 2019

Evento: La seconda parte dell'incontro nazionale dei sacerdoti romeni cattolici di rito bizantino a Firenze

Titolo: 11303.jpg

Notizie

L'ingresso nella nuova chiesa in occasione delle Palme a Forlì

L'ingresso nella nuova chiesa in occasione delle Palme a Forlì

Nel Decanato di Emilia-Romagna durante la Grande Quaresima, come si era stabilito, si sono celebrati i riti dell’Unzione degli Infermi, detti nella nostra lingua “Masluri de Obþte”.
Questi Sacramenti hanno, per le persone che vi partecipano, la forza della preghiera comunitaria. La presenza dei sacerdoti concelebranti delle parrocchie del Decanato di pertinenza hanno reso visibile l’unità della nostra Chiesa nel territorio. È stata nel contempo un’occasione particolare perché i fedeli di tutte le parrocchie si potessero accostare alla Santa Confessione. Tutti coloro che hanno partecipato alla Celebrazione hanno abbracciato con amore l’invito dei sacerdoti a confessarsi prima dell’Unzione.
Sabato 8 Aprile i sacerdoti si sono incontrati per celebrare l’Ufficiatura dell’Olio Santo a Forlì, nella chiesa di San Francesco - nuovo luogo di culto concesso alla Parrocchia “ I Santi Arcangeli Michele e Gabriele” che quest’anno compie il XV anno dalla fondazione. Dopo l’unzione con l’olio consacrato, i fedeli si sono avvicinati con molta pietà alle reliquie: di San Francesco d’Assisi, ad una scheggia della santa Croce e ad una delle spine che formavano la Corona di Nostro Signor Gesù Cristo.
Con la festa dell’ “Entrata del Signore a Gerusalemme”, i parrocchiani sono entrati in chiesa ove hanno partecipato alla prima Eucarestia nel nuovo luogo di culto. Festeggiarvi la Domenica della Palme è stato motivo di immensa gioia per i fedeli che sono convenuti con molta festosità e pietà, portando con sé i fiori per abbellire la Chiesa.
La Risurrezione di Lazzaro dimostra che l’ultima e sola realtà è la Risurrezione, chiamata da Gesù Cristo “Vita eterna” ed a questo riguardo sono significativi i rami che i fedeli avevano in mano.
Traduzione dal romeno: prof. Giuseppe Munarini
P. Mihai David

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.