Română | Italiano
HomeNotizie201111 Febbraio: Presentato il viaggio del Papa ad Aquileia e Venezia. Il cardinale Scola: una ...
Archivio foto
Anno: 2017 » Evento: Solenne Liturgia greco-cattolica romena a Oderzo » Titolo: 9673.jpg

Anno: 2017

Evento: Solenne Liturgia greco-cattolica romena a Oderzo

Titolo: 9673.jpg

Notizie

Presentato il viaggio del Papa ad Aquileia e Venezia. Il cardinale Scola: una visita a tutti gli uomini di buona volontà

Presentato il viaggio del Papa ad Aquileia e Venezia. Il cardinale Scola: una visita a tutti gli uomini di buona volontà

(RV - 10 febbraio 2011). E’ stata presentata oggi in conferenza stampa, a Zelarino, nel capoluogo veneto, la prossima visita del Papa alle diocesi del Nordest - Aquileia e Venezia - il 7 e 8 maggio. Erano presenti: il cardinale Angelo Scola, patriarca di Venezia e presidente della Conferenza episcopale triveneto (CET); mons. Dino De Antoni, arcivescovo di Gorizia e vicepresidente della Cet; mons. Lucio Soravito De Franceschi, vescovo di Adria-Rovigo e vicepresidente del Comitato triveneto per “Aquileia 2”; mons. Beniamino Pizziol, vescovo ausiliare di Venezia e referente organizzativo della Cet per la visita del Papa.
Il programma della visita, ancora provvisorio, prevede l’arrivo del Papa ad Aquileia nel pomeriggio di sabato 7 maggio, con la visita alla Basilica per l’Assemblea in preparazione del Convegno ecclesiale che si terrà nella città nel 2012. In serata, il Santo Padre si sposterà a Venezia dove l’indomani mattina, domenica 8 maggio, presiederà la celebrazione eucaristica per tutte le Chiese del Nordest, nel Parco di San Giuliano di Mestre, seguita dalla recita dell’Angelus. Tre, invece, gli appuntamenti previsti nel pomeriggio: nella Basilica di San Marco, l’incontro del Papa con l’Assemblea ecclesiale per la chiusura della visita pastorale; nella Basilica della Salute, l’incontro con il mondo della cultura, dell’arte e dell’economia e infine, nella Cappella della SS. Trinità, Benedetto XVI benedirà ed inaugurerà la rinnovata Biblioteca dello "Studium Generale Marcianum". Quindi, nella serata dell’8 maggio, il Santo Padre rientrerà in Vaticano.
In vista di questo evento significativo, i vescovi del Triveneto hanno diffuso, all’inizio di gennaio, una lettera in cui invitano tutti i fedeli a partecipare ad una colletta per aiutare la Chiesa locale nell’organizzazione. “L’accoglienza del Papa – scrivono i vescovi del Triveneto – sarà sobria ed essenziale: si cercherà di onorare con grande semplicità, ma con molta cura, colui che, come insegna la fede cristiana, non è solo un ospite gradito, ma è parte costitutiva di ogni Chiesa particolare”. Da oggi, inoltre, è attivo il sito Internet http://www.ilpapaanordest.it/ita/home.asp, contenente notizie, informazioni logistiche ed approfondimenti religiosi sulla visita del Santo Padre. Particolare la sezione “Media” con foto e video dei vescovi del Nordest che spiegano il significato dell’evento e le modalità di preparazione.
Il cardinale Angelo Scola ha spiegato il significato di questo viaggio pastorale di Benedetto XVI:
Noi lo abbiamo voluto sintetizzare nello slogan “Tu conferma la nostra fede”: chiediamo cioè al Santo Padre, per il suo ministero di Successore di Pietro e per la sua forza di testimonianza, di sostenere in questo momento di passaggio la nostra fede e quindi la visione cristiana della vita, che permette a tutti gli uomini e le donne del Nordest di affrontare il quotidiano con un’intensità quale quella che viene dalla possibilità di seguire Gesù. Questo è ciò che abbiamo chiesto al Papa ed ora siamo tutti in attesa e mobilitati: accoglieremo la sua persona ed ascolteremo la sua parola, con nel cuore la certezza che il successore di Pietro venga per questo. Come Gesù ha detto: “Una volta che tu ti sarai ravveduto, conferma i tuoi fratelli”; noi abbiamo ancora fede qui nelle nostre terre, ma siamo come i discepoli che dissero a Gesù: “Signore, noi crediamo ma tu accresci la nostra fede”. Fede significa stile di vita; significa modo di vivere; modo di affrontare tutti i giorni gli affetti, il lavoro e il riposo; modo di lasciar vedere – attraverso le nostre vite cambiate – la convenienza per l’uomo contemporaneo di seguire Gesù con la semplicità di cuore, in modo da poter essere liberi e dignitosi.
Quale realtà attende il Papa?
Anzitutto il Nordest ha questa grande radice storica: da Aquileia, dove il Papa comincerà la sua visita, sono nate ben 57 chiese; di queste, 36 sono tuttora in essere; mentre altre 21 diocesi sono state integrate in diocesi ancora oggi esistenti, ma vivono ancora presenti nella comunione dei santi. Come si può vedere si tratta di una realtà molto articolata, perché comprende Chiese della Croazia, della Slovenia, dell’Austria, della Baviera fino ad arrivare alla Lombardia – Mantova e Como – che sono nate da Aquileia, oltre a tutte le chiese del Nordest. Quindi il Papa incontra questa complessa realtà che è tesa a proiettarsi nel futuro e proprio per questo l’incontro ad Aquileia sarà in vista del secondo Convegno di tutte le Chiese del Nordest, e che si svolgerà ad Aquileia nella Pentecoste del 2012. Il Papa poi arriverà a Venezia, dove celebrerà una Messa per tutti i fedeli del Nordest nel grande Parco di San Giuliano, il più grande parco d’Europa, per richiamare tutti noi alla bellezza della fede: una fede che, sulla sequela del Dio Incarnato, si gioca nella storia e vuole documentare il suo essere per il bene di tutti. Quindi il Papa viene per tutti i fedeli, per tutti i battezzati, ma anche per tutti gli uomini di buona volontà, perché la fede ridestando tutto l’umano parla a tutti. Gli altri due momenti – squisitamente veneziani – sono individuati da due eventi: il primo sarà un’assemblea, che si svolgerà nella Basilica Cattedrale di San Marco, a conclusione della visita pastorale, che abbiamo iniziato nel 2004 e che sarà appunto Benedetto XVI a concludere davanti ai rappresentanti di tutte le parrocchie e di tutte le organizzazioni locali della diocesi di Venezia; dopodiché il Papa si sposterà alla bellissima punta della Dogana, dove dalla Basilica della Salute, utilizzata in questo caso come aula magna dello Studium generale Marcianum, e parlerà a tutta quanta la città di Venezia che – come fu definita da Giovanni Paolo II – è una città dell’umanità, perché parla a tutta l’umanità e perché tutta l’umanità la visita: sono più di 23 milioni i visitatori ogni anno. Il Papa parlerà, quindi, ai rappresentanti del mondo dell’arte, della cultura, della scienza, dell’economia e del lavoro e ci dirà come dobbiamo vivere Venezia. Si tratta di una serie di momenti carichi di intensità, che stanno già ridestando l’attesa di tutti gli abitanti del nordest, di questo nordest allargato, che viene dalla storia e che guarda al futuro.
Come stanno procedendo i preparativi?
Molto bene. Abbiamo costruito a livello di Conferenza episcopale del Triveneto una Commissione, composta da rappresentanti di ogni diocesi ed articolata a diversi livelli. Stiamo facendo incontri capillari e zonali con tutti i sacerdoti e con i responsabili laici proprio per spiegare il grande dono che Benedetto XVI ci fa: è una grande occasione di educazione, di evangelizzazione, perché ci consente in un mondo che tante volte confonde il significato e il valore della presenza del successore di Pietro e del suo magistero con una leadership di tipo civile. Si tratta, quindi, anche di una grande occasione di evangelizzazione e di catechesi per tutto il nostro popolo. Devo dire che c’è una grande mobilitazione di tutta la gente, il cui primo segnale sarà dato dalla colletta, che faremo in tutte le 3.500 parrocchie del nordest: vogliamo che la visita del Papa – che è uno di noi e che noi sentiamo come immanente alle Chiese, perché Pietro è immanente ad ogni Chiesa particolare – sia una visita sostenuta, anche negli aspetti finanziari, dal popolo. Tutto il mese di febbraio vedrà, in ognuna delle parrocchie del Nordest, questa colletta. Questo rappresenterà il primo vero segno di mobilitazione generale per cui ci stiamo preparando.
Sergio Centofanti

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.