Română | Italiano
HomeNotizie20171 Novembre: Omaggio all'onore dei martiri greco-cattolici romeni al Santuario ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: "La Pasqua bella, la Pasqua del Signore, la Pasqua!" a Forlì » Titolo: 11378.jpg

Anno: 2019

Evento: "La Pasqua bella, la Pasqua del Signore, la Pasqua!" a Forlì

Titolo: 11378.jpg

Notizie

Omaggio all'onore dei martiri greco-cattolici romeni al Santuario Montenero -Livorno

Omaggio all'onore dei martiri greco-cattolici romeni al Santuario Montenero -Livorno

Domenica, 29 ottobre 2017, si è svolto il pellegrinaggio annuale del Decanato greco-cattolica della Toscana, a Montenero, Madonna delle Grazie. In questo evento liturgico ha partecipato un bel numero di credenti.
Hanno celebrato la santa Messa i padri Valer Sician, decano della Toscana, Ioan Rodina responsabile per i fedeli a Pisa, e padre Vasile Orghici, parroco della Parrocchia della Natività, a Livorno.
La Divina Liturgia è iniziata alle 12.30, e si è conclusa con un requiem ad evocare coloro che hanno sofferto per Cristo durante il regime comunista.
L'omelia di Padre Vasile si è concentrata sul tema dei martiri e dei confessori greco-catolici romeni che hanno accettato la sofferenza e la croce in cambio di onori e compromessi nocivi.
Vi presentiamo un frammento dal sermone di Padre Vasile:
"Cari fratelli e sorelle, in questo santuario arriva molta gente, ognuno con il proprio dolore. E tutti coloro che sono stati affidati alla Santa Vergine sono aiutati e confortati.
Anche noi oggi abbiamo l'opportunità di chiederci: perché ci siamo venuti qui? Qual è lo scopo di questo pellegrinaggio? Naturalmente, lo scopo di questo pellegrinaggio è di pregare per noi, per le nostre famiglie, per le nostre parrocchie, per tutti i romeni in Toscana.
Preghiamo in modo speciale per i nostri martiri della chiesa, a sollevare un requiem in memoria del loro onore. Per sollevare una fervida preghiera per tutti i martiri del nostro popolo romeno, perseguitati, imprigionati e morti nel periodo del regime comunista. Ringraziamo dal profondo del nostro cuore a Dio e alla Madre di Dio per questi eroi delle virtù cristiane.
Grazie e gratitudine per la fermezza e il sacrificio di questi martiri. Veramente grazie al loro sacrificio, che ci hanno trasmesso la fede e l'amore per Gesù Cristo, per Madre di Dio, per la Chiesa e per il nostro paese.
Il loro sacrificio è immortalato, rimane perenne. Con il loro esempio di fede e amore ci siamo stati rafforzati e determinati ad abbracciare i valori cristiani. Ad abbracciare la Chiesa e Cristo. Tutti questi martiri sono la dote spirituale di tutto il popolo romeno. Assolutamente, loro sono l'eredità indelebile di una gente soffocata e crocifissa. Il loro sacrificio deve rafforzarci sempre, deve unirci per il bene, deve illuminare le nostre menti ed aprire il cuore per riempirci di gioia, di solidarietà per il bene comune.
Riempiamo i nostri cuori di gioia e di amore per le cause sante. Il sacrificio di questi martiri romeni ci aiuti ad essere buoni cristiani; veri, semplici, umili secondo la Parola di Dio.
Cari fratelli e sorelle,
Insieme a voi, siamo venuti a inginocchiarsi davanti alla Icona Miracolosa: chiedendo alla Vergine Maria la sua protezione di madre. Tutti abbiamo bisogno della protezione di questa Madre. Maria è la Madre di Gesù! Maria è la madre della Chiesa! Maria è la Madre di tutti i cristiani! Maria è anche nostra madre! Che bella cosa: i nostri antenati, i nostri genitori erano molto fedeli. Non hanno perso la domenica di andare in Chiesa. Non hanno dimenticato mai di pregare ogni giorno. Vescovi, sacerdoti, religiosi e fedeli che sono stati morti nelle carceri comuniste hanno avuto un grande ideale. Cioè, loro sono morti perché non hanno accettato di cooperare con un regime privo di scrupoli, un regime senza Dio. Questi testimoni non volevano essere compromessi con il male. Non hanno accettato di rinunciare alla fede, ai valori cristiani (...) alla Chiesa in unione con Pietro e a Gesù Cristo. Tra coloro che sono morti nelle carceri comuniste sono vescovi greco-cattolici della Transilvania: Valeriu Traian Frenţiu, Iuliu Hossu, Alexandru Rusu, Ioan Bălan, Ioan Suciu, Vasile Aftenie e Tit Liviu Chinezu. Vescovi martiri che molti romeni non sanno niente di loro o molti di noi non ci interessa. Anche se erano bravi romeni, veri cristiani, veri romeni".
L'evento si è concluso con il pranzo presso il ristorante Montenero e con l'augurio di compleanno rivolto dai fedeli a Padre Vasile.
P. Vasile Orghici

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.