Română | Italiano
HomeNotizie201727 Novembre: La gioia dell'onore al patrono spirituale nella comunità greco-cattolica ...
Archivio foto
Anno: 2019 » Evento: La festa d'arte culinaria nella parrocchia Roma Nord » Titolo: 11579.jpg

Anno: 2019

Evento: La festa d'arte culinaria nella parrocchia Roma Nord

Titolo: 11579.jpg

Notizie

La gioia dell'onore al patrono spirituale nella comunità greco-cattolica di Mirandola

La gioia dell'onore al patrono spirituale nella comunità greco-cattolica di Mirandola

A questo avvenimento sono stati invitati diversi sacerdoti e comunità delle vicinanze, però per motivi fondati non è potuta essere presente che una parte di loro. Tra i fedeli si sono trovati i membri delle comunità romene di Cesena e di Forlì, con p. Mihai Gheorghe David con la sua famiglia, il p. diacono Dănuţ Ioan Buticaş assieme all’ospite p. Ioan Feier. Padre Mihai ha portato con sé affinché, fossero venerate, le reliquie di Sant’Andrea e una parte delle reliquie della Santa Croce di nostro Signore Gesù Cristo sul Golgota.
La Santa Liturgia è stata celebrata dal Padre David. L’omelia è stata pronunciata con molto calore spirituale: Bisogna considerare la ricchezza che è in noi, continuare a crescere spiritualmente ed unirci in tutti i momenti della vita con l’amore ed il sacrificio. La ricchezza è lo stesso uomo, in lui è riposta la forza per le realizzazioni spirituali, ma anche per quelle necessarie giorno dopo giorno. Sant’Andrea apostolo, “il primo chiamato” è il segno della chiamata di ciascuno a servire Gesù Cristo. In una pericope del Vangelo proclamata qualche domenica fa, uno degli ammalati diceva: “…non ho una persona che mi immerga nella piscina …” “Vieni e seguimi!”. Eispose Gesù. Bisogna seguire Gesù, buono, ubbidiente e pronto al sacrificio. “Seguimi!” Bisogna amare la voce della chiamata, la voce di chi grida dinnanzi a te. Cercare la salvezza non è aspirare alla ricchezza del giorno d’oggi, ma alla ricchezza eterna. L’uomo è la ricchezza dell’universo. L’uomo che è uno di noi Bisogna seguire il Dio-uomo, ed aiutare. Così ci arricchiremo in lui, con le azioni. Questa è la voce della Trinità. Si è officiato il servizio religioso in suffragio di tutti gli eroi caduti su tutti i campi di battaglia per difendere la nostra lingua, la cultura e la tradizione dei nostri padri.
Il gruppo vocale „Moroşenii” ha eseguito le tradizionali “colinde”, ossia i canti tradizionali natalizi ed ha accompagnato con i suoi canti la Santa e Divina Liturgia. Nella seconda parte del programma sono state presentate le iniziative del I Dicembre, festa nazionale cui è seguito il pranzo con i presenti.
Ringrazio il Signore, Sua Madre e il Santo Apostolo Andrea, protettore della nostra comunità parrocchiale, il Consiglio Pastorale, il Consiglio delle signore per le leccornie preparate.
          
Traduzione in italiano: prof. Giuseppe Munarini
P. Ioan Feier

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.