Română | Italiano
HomeNotizie20174 Dicembre: Tradizioni come nel mio paese
Archivio foto
Anno: 2020 » Evento: Il giorno del dialogo tra gli ebrei ed i cristiani » Titolo: 11629.jpg

Anno: 2020

Evento: Il giorno del dialogo tra gli ebrei ed i cristiani

Titolo: 11629.jpg

Notizie

Tradizioni come nel mio paese

Tradizioni come nel mio paese

Domenica, 3 dicembre 2017, dopo la Messa, i fedeli della parrocchia "San Michele" di Forlì hanno celebrato la Festa Nazionale della Romania e, in anticipo, della festa di San Nicola.
Ad ogni credente, all’ingresso della chiesa, è stato consegnato un nastro con il tricolore rumeno. I piccoli rumeni della nostra parrocchia hanno fatto un piccolo spettacolo. Hanno recitato la “Lingua rumena” di Gheorghe Sion, invitando tutti i presenti: a “parlare e a scrivere in lingua rumena / per Dio”. Indossando costumi nazionali rumeni e capelli specifici ai daci, i bambini hanno cantato con i “cappelli sulla fronte” incoraggiando i romeni lontani dal loro caro Paese, alla Romania, di essere degni e di conservare le proprie tradizioni e costumi. Anche se la maggior parte dei bambini sono nati in Italia, hanno interpretato con grande ispirazione: “Lì è il mio paese” perché nelle loro anime nella chiesa si coltiva l’appartenenza al “mio popolo rumeno”. Poi, hanno cantato "Colind de Moş Nicolae", perché San Nicola è passato anche presso i bambini rumeni d’Italia che lo aspettano:
"San Nicola, San Nicola,
Noi ti aspettiamo con nostalgia,
San Nicola, San Nicola
Con gli stivaletti nella soglia”.
Alla fine, hanno cantano le canzoni natalizie “Signore, Signore alziamo" e "Cristo è nato oggi".
La Parrocchia di Forlì ha ricevuto il Gruppo “Moroşenii" di Mirandola che ha iniziato ad andare a cantare le canzoni per il Santo Natale. Poi, sono passati a cantare anche nella Parrocchia dei “Santi Pietro e Paolo” di Ravenna e poi, pomeriggio, continuano a cantare nella parrocchia “Fonte di guarigione” di Cesena, e la prossima settimana nella parrocchia “San Nicola” di Rimini e poi, prima di Natale, in tutte le altre parrocchie greco-cattoliche della regione.
E poiché la parrocchia mantiene la tradizione: “Tieni oste il tavolo preparato / e la luce nella finestra accesa / è il momento dell’andare / oltre il focolare del villaggio / sulle stradella di seta, / da una casa in un'altra, perché ci raccolga buono con buono / la santa notte di Natale, / perché è più santa di tutte, / tanti auguri con salute. Dopo canti specifici della zona Maramures, si sono riuniti per un’agape cristiana offerto dai fedeli della parrocchia “Santi Arcangeli Michele e Gabriele”.
Claudia David

 

Eventi foto collegati a questa notizia

Per inviare una notizia, si prega di utilizzare questo  formulario.